Iscriviti

Pensioni: ecco perché senza novità o correttivi dal 2019 serviranno fino a 71 anni

L'intervento di flessibilizzazione delle pensioni è molto atteso perché i nuovi criteri di adeguamento all'aspettativa di vita prevedono ulteriori incrementi ai requisiti Inps dal 2019.

Economia e Finanza
Pubblicato il 21 agosto 2018, alle ore 15:04

Mi piace
4
0
Pensioni: ecco perché senza novità o correttivi dal 2019 serviranno fino a 71 anni

Non è un caso se i lavoratori osservano con attenzione l’evoluzione del dibattito riguardante la flessibilità previdenziale. I nuovi meccanismi di flessibilizzazione dei criteri di uscita non servono infatti solamente a contenere l’attuale rigidità del sistema pensionistico, ma anche a neutralizzare le prospettive di nuovi rincari che si realizzeranno a partire dal prossimo anno.

Alla base del futuro incremento c’è infatti il meccanismo di adeguamento all’aspettativa di vita, che l’Inps ha già certificato in avvio a partire dal primo gennaio 2019 attraverso la circolare numero 62 del 2018. Nella pratica, verranno aggiornati al rialzo tutti i principali requisiti di uscita dal lavoro, con un aggravio ulteriore di cinque mensilità rispetto a quanto non avviene nell’anno in corso.

Riforma pensioni e AdV: ecco come cambieranno i requisiti nel 2019

Stante la situazione appena descritta, a partire dal prossimo anno chi vorrà usufruire della pensione anticipata (basata esclusivamente sull’anzianità contributiva e senza ulteriori vincoli anagrafici) dovrà maturare alle regole attuali almeno 43 anni e 3 mesi di versamenti (la stessa opzione richiederà però un anno in meno per le donne). Attualmente bastano invece 42 anni e 10 mesi (un anno in meno per le donne), mentre chi rientra nell’agevolazione destinata ai lavoratori precoci può ottenere l’uscita a partire dai 41 anni di contribuzione.

Non sembra andare meglio per chi non riuscirà a centrare nell’anno in corso la maturazione dei requisiti della pensione di vecchiaia. In questo caso nel 2019 sarà necessario aver accumulato almeno 67 anni di età e 20 anni di contribuzione per chi è inserito nel sistema misto.

Chi invece rientra nel contributivo puro dovrà attendere i 71 anni (con almeno 5 anni di versamenti), oppure optare per l’uscita anticipata a 64 anni ma con 20 anni di versamenti (anziché a 63 anni e 7 mesi). Insomma, la necessità di nuove opzioni di flessibilità in grado di svincolare i lavoratori dagli attuali e dai futuri criteri di quiescenza appare quanto mai necessaria.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - La dialettica sull'avvio della flessibilità previdenziale tramite la nuova quota 100 a partire dai 64 anni di età si fa sempre più accesa. Tra favorevoli e contrari, permane il rischio che la nuova misura risulti inefficace verso molti lavoratori in attesa di una risposta, mentre sullo sfondo si confermano le difficoltà nel reperimento delle coperture.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!