Iscriviti

Mastercard rivela a Google i dati delle nostre transazioni

Google e Mastercard hanno stretto una collaborazione che consente al colosso di Mountain View di tenere d'occhio le transazioni degli utenti con le proprie carte di credito e di debito.

Economia e Finanza
Pubblicato il 1 settembre 2018, alle ore 17:57

Mi piace
4
0
Mastercard rivela a Google i dati delle nostre transazioni

Google, nel 2017, ha avuto accesso alle transazioni dei clienti sia con carte di credito, sia con quelle di debito. Più nello specifico sono state tenute d’ occhio le carte di Mastercard negli Stati Uniti con l’obiettivo di controllare se i prodotti mostrati nei banner pubblicitari sono stati effettivamente acquistati nei negozi. La notizia arriva direttamente da Bloomberg che a sua volta ha avuto a disposizione delle fonti interne e molto vicine ai soggetti in questione.

L’accordo è stato stretto da Mastecard e Alphabet proprio per la condivisione dei dati, ma i clienti che avevano la carta erano completamente all’oscuro di tutto ciò. Google da questa partnership ha tratto un vantaggio importante, in quanto ha avuto modo di capire il gusto e le abitudini dei propri clienti, riuscendo ad approfondire la questione del budget di ognuno a disposizione e la frequenza della spesa.

Google “spia” i clienti Mastercard: ci saranno conseguenze?

Christine Bannan, appartenente all’Electronic Privacy Information Center, afferma che tale collaborazione avrà delle conseguenze sulla privacy degli utenti. Il motivo sta nel fatto che le società, prima di entrare nelle vite delle persone, devono essere autorizzate, o anche semplicemente i clienti devono essere avvisati sul trattamento e specificare dettagliatamente i diritti a riguardo.

Tuttavia, esiste da tempo un metodo per controllare le vendite dei negozi. Si chiama Store Sales Measurement ed è un tool utilizzabile grazie al quale Google è a conoscenza dei movimenti del 70% delle carte in circolazione negli Stati Uniti d’America. Però, i dati forniti sono solamente statistici, e non si viene identificati con nome e cognome.

Un portavoce di Google fa sapere che il colosso americano non va a controllare i dati personali, e Mastercard conferma che i dati forniti servono solo a capire e verificare il funzionamento delle varie campagne pubblicitarie

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Dal punto di vista del principio, è giusto che Google non metta il naso nelle vite degli utenti. Già siamo letteralmente sorvegliati, in stile Grande Fratello. Personalmente, però, non mi importa se sa che mi compro un telefono, o una qualsiasi altra cosa: basta che il mio nome non risulti da nessuna parte sul vasto portale di Google.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!