Iscriviti

LdB2019: verso reddito e pensioni di cittadinanza, ma serve rassicurare l’Europa

La nuova Manovra procede spedita su reddito e pensioni di cittadinanza, ma si profilano interventi complessivi per oltre 30 miliardi di euro. Ecco perché l'Europa vuole rassicurazioni.

Economia e Finanza
Pubblicato il 7 settembre 2018, alle ore 17:24

Mi piace
5
0
LdB2019: verso reddito e pensioni di cittadinanza, ma serve rassicurare l’Europa

Da un lato le richieste dei cittadini, dall’altro quelle dell’Europa e dei mercati. Il Governo si trova alla ricerca di un difficile equilibrio tra istanze che si moltiplicano e che aumentano ogni giorno la pressione rispetto alla compilazione della nuova legge di bilancio 2019. Tra chi è chiamato a trovare una soluzione d’equilibrio c’è il Ministro dell’Economia Giovanni Tria, arrivato oggi al nuovo meeting dell’Eurogruppo per cercare di rassicurare i propri partner internazionali e rispondere alle domande della stampa che chiede informazioni circa la sostenibilità del debito pubblico.

Non sorprende quindi che il Ministro del Tesoro abbia sfruttato l’occasione per avere colloqui personali con i Commissari europei Moscovici e Dombrovskis, i quali continuano a ripetere la necessità di mantenere elevata l’attenzione sulla riduzione del deficit e sulla garanzia che il bilancio pubblico venga tenuto in sicurezza.

Legge di bilancio 2019: le pensioni ed il reddito di cittadinanza alla sfida dei conti

È in questo contesto che si avviano gli ultimi lavori riguardanti la nuova legge di bilancio 2019, una Manovra che potrebbe arrivare a superare i 30 miliardi di euro (c’è chi stima addirittura la necessità di reperire 35 miliardi) e che dovrebbe utilizzare fino ad un terzo delle risorse (circa 10 miliardi) per la realizzazione del reddito e delle pensioni di cittadinanza.

Al fianco della nuova misura di welfare, altri 8 miliardi di euro dovrebbero essere destinati all’avvio del superamento della legge Fornero, un’iniziativa che per stessa ammissione del Ministro dell’Interno Matteo Salvini non potrà essere completa fino a quando non si sarà sviluppata l’intera legislatura. D’altra parte, complessivamente si parla di oltre 18 miliardi di euro, più della metà dell’intero budget a disposizione, mentre gli altri interventi previsti dal Governo restano numerosi. Dalla sterilizzazione dell’aumento dell’IVA alla flat tax, dal rilancio dell’occupazione alla pace fiscale.

Ed è per questo che il cerchio torna a chiudersi ancora una volta sulla sostenibilità delle promesse fatte dall’esecutivo ai propri elettori e sull’effettiva realizzabilità di quest’ultime senza vincoli o compromessi che potrebbero essere considerati poco accettabili. “Vogliamo credere che realismo e pragmatismo si affermeranno” spiega Moscovici, ricordando che l’atteso cambiamento non potrà avvenire a scapito dei conti pubblici. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - La ricerca di un compromesso per la realizzazione delle nuove misure di riforma del welfare e della previdenza si scontra con la necessità di mantenere il bilancio pubblico sostenibile. Resta quindi elevata l'attenzione sul Governo, chiamato a trovare una soluzione che possa accontentare tutti, ma che rischia di disattendere almeno una parte delle promesse avanzate in campagna elettorale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!