Iscriviti

Auto e tasse: il salasso degli automobilisti. Ecco quanto il Fisco preleva in un anno

Il Fisco preleva una montagna di denaro dagli automobilisti, costretti a fronteggiare rincari sempre più onerosi. Parliamo di tante spese, che vanno dal bollo auto ai pedaggi autostradali, al prezzo del carburante che lievita a dismisura.

Economia e Finanza
Pubblicato il 20 febbraio 2018, alle ore 17:17

Mi piace
11
0
Auto e tasse: il salasso degli automobilisti. Ecco quanto il Fisco preleva in un anno

Mia dolce auto, finirà mai questo salasso? Potrebbe sembrare la trama di un vecchio film ma, purtroppo, non è così. Oggi un normale automobilista che usa la propria vettura per andare a lavoro tutti i santi giorni, deve fare i conti con il rincaro delle tasse che vanno dal bollo auto ai pedaggi autostradali, al prezzo del carburante che lievita a dismisura.

Tendendo le dita incrociate, pregando, affinché nessuna calamità si abbatta sul nostro Bel Paese, per evitare che la voce “accisa carburante” riservi un’ulteriore sorpresa, incrementando il prezzo del gasolio. Conti alla mano, gli automobilisti ogni anno sborsano circa 73 miliardi di euro.

Quanto ci costa il caro gasolio

Secondo quanto riportato dall’Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre, Cgia di Mestre, il macigno di 73 miliardi di euro rappresenta il carico fiscale versato da circa 42,8 milioni di automobilisti. In sostanza, si tratta di un prelievo che supera anche il gettito delle imposte sugli immobili che si aggirano intorno ai 40 miliardi di euro.

La stima dell’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, pubblicata recentemente, ha preso in esame gli anni che vanno dal 2009 al 2016, mostrando un rincaro del 10,1% di solo gettito fiscale prelevato dai veicoli in circolazione, contro un aumento dell’inflazione registrato del 9%.

Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA, precisa che la stangata che pagano gli automobilisti si riferisce alle imposte e accise sui carburanti; infatti, circa 73 miliardi di euro derivano dalle tasche degli automobilisti nel momento in cui si recano presso un distributore di benzina.

Il prezzo reale del gasolio senza imposte

Bisogna considerare che il prezzo del solo diesel è maggiorato del 63% di tasse, mentre la benzina del 66%. Senza l’onere delle tasse, il prezzo scenderebbe al di sotto dell’euro a litro.

Quali sono le “altre voci” finite nel calderone dei 73 miliardi?
Gli automobilisti rappresentano la fonte del Fisco a cui attingere in diverse tranches, quali:

  • iva su manutenzione e/o riparazione di un veicolo, circa 10 miliardi di euro all’anno;
  • iva per l’acquisto di una vettura, circa 9 miliardi di euro;
  • bollo auto, circa 6,6 miliardi di euro;
  • imposte suddivise tra parcheggi e multe, circa 5 miliardi di euro;
  • assicurazione Rc auto, circa 4 miliardi di euro;
  • pedaggi autostradali, circa 2 miliardi di euro.
Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonella Tortora

Antonella Tortora - Un bilancio di 50 anni di aumenti a carico degli automobilisti e nessuna lieve flebile discesa. Il Fisco continua a stringere la morsa sui cittadini prelevando più del dovuto. La voce accisa benzina diventa l'ennesima storia all'italiana che parla di un'imposta che riguarda la guerra in Abissinia del 1935, la crisi di Suez del 1956, il disastro del Vajont del 1963, l’alluvione di Firenze del 1966, ecc., ecc.. Una lunga lista che non trova la parola "fine".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!