Iscriviti

Ventidue operaie rischiano con i loro soldi, acquistando l’azienda per salvarla dalla crisi.

In provincia di Rovigo 22 operaie decidono di rischiare tutto, diventando socie acquistando l'azienda presso la quale lavoravano, entrata in crisi finanziaria.

Cronaca
Pubblicato il 23 novembre 2018, alle ore 19:51

Mi piace
7
0
Ventidue operaie rischiano con i loro soldi, acquistando l’azienda per salvarla dalla crisi.

La Cooperativa Polesana Abbigliamento, sita a Stienta, in provincia di Rovigo, era una delle più importanti dell’altopolesano, ma da qualche anno era entrata in crisi finanziaria, tanto che molte operaie non erano più state impegnate. Così, 22 operaie hanno deciso di prendere la situazione in mano, rischiando i loro soldi, per dare una svolta creando una nuova realtà.

All’inagurazione della nuova cooperativa, Centro Moda Polesano, in molti erano presenti per sostenerle, ed era presente anche l’assessore regionale al lavoro, Elena Donazzan che ha dichiarato: “oggi si celebra il coraggio di 22 socie fondatrici che, rischiando tutto, sono riuscite nell’intento di dare continuità lavorativa a loro stesse e agli altri 11 addetti di questa realtà manifatturiera“.

La sfida

Questo è il settimo caso in Veneto in cui gli operai decidono di aderire a cooperative definite wbo, ovvero workers buyout. Ed è il primo caso dove ad aderire all’iniziativa è un gruppo tutto al femminile. 

La presidente del Centro Moda Polesano, Claudia Tosi, ha raccontato tutte le difficoltà che hanno vissuto da quando la vecchia azienda era entrata in crisi e la volontà di cercare delle soluzioni alternative. Non è stato semplice, per esempio, trattenere i vecchi clienti, alcuni dei quali molto prestigiosi, ma anche risolvere i problemi in tempi molto stretti.

In molti hanno voluto mostrare il loro supporto per questa nuova realtà, primo fra tutti il sindaco di Stienta, Enrico Ferrarese, che ha espresso tutto l’affetto dell’intera città nei confronti del Centro Moda Polesano; Adriano Ricci, della Lega Coop veneta, ha voluto sottolineare l’importanza del modello veneto che vede lavorare le persone insieme e concretamente; infine, Dora Iacobelli, della Lega Coop nazionale e presidente delle Pari opportunità, ha dichiarato che questo caso dimostra ancora una volta quanto le donne siano tenaci.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Elisabetta Monda

Elisabetta Monda - Con la grande crisi finanziaria che sta attraversando l'Italia, queste 22 operaie hanno avuto un gran coraggio a rischiare tutti i loro soldi in una nuova società. Ma è pur vero che in qualche modo bisogna agire per cambiare le cose e per far ciò inevitabilmente si deve rischiare qualcosa. Mi auguro che queste 22 donne riescano a riportare la loro azienda ai vecchi splendori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!