Iscriviti
Venezia

Venezia, il marito scomparso per un cancro fulminate: l’ex datore di lavoro cede il suo posto alla moglie

Il marito è morto da qualche mese a causa di un cancro fulminate. Cassiere amato da tutta la zona, ora l'ipermercato assume per quel posto di lavoro la moglie.

Cronaca
Pubblicato il 22 dicembre 2018, alle ore 18:38

Mi piace
2
0
Venezia, il marito scomparso per un cancro fulminate: l’ex datore di lavoro cede il suo posto alla moglie

In un mese un cancro fulminante ha portato via Gianluca Zambelli dalla sua famiglia: dalla moglie Laura e dai suoi due bambini di 3 e di 5 anni. Gianluca lavorava ormai da anni a Favaro Veneto, in provincia di Venezia, presso il supermercato Alì del posto, ed era una persona amata da tutti e ben voluta. Proprio a causa del grande affetto provato per il 37enne, i colleghi hanno voluto prendersi cura della moglie rimasta ormai sola ad occuparsi di entrambi i figli.

Il gesto di grande umanità fatto dall’ex datore di lavoro di Gianluca, ha fatto presto il giro di Favaro Veneto suscitando grande commozione da parte dei concittadini che conoscevano il ragazzo, e non solo. Ora quel posto di lavoro rimasto vuoto a causa della tragica morte del 37enne, verrà occupato proprio dalla moglie Laura.

L’assunzione di Laura al supermercato Alì

Gianluca è stato portato via da un cancro fulminate in appena un mese. Ricoverato il 10 agosto, i medici hanno provato fino all’ultimo a salvare la vita del giovane, ma il 19 settembre ha perso la sua battaglia contro il tumore. In molti hanno pianto la sua morte, descritto come un ragazzo pieno di amore verso la sua famiglia e sempre sorridente, anche per questo nessuno ha voluto che la moglie Laura si sentisse mai sola.

La direzione del supermercato Alì ha voluto contattare Laura per offrirle il posto di lavoro del marito, essendosi ritrovata a dover crescere il figlio di 5 anni e la bambina di appena 3 con le sue uniche forze. Una richiesta accettata subito dalla donna che si è detta senza parole per il gesto fatto dai dirigenti.

Al suo primo giorno di lavoro Laura è stata accolta come in una grande famiglia dagli stessi colleghi che hanno amato e apprezzato il marito, e che ora sono pronti a diventare la spalla della moglie.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Una storia davvero molto significativa che fa molto pensare a quanto poco basti per aiutare una persona. Potevano dare quel posto di lavoro a chiunque, ma quel piccolo pensiero di poterlo dare alla moglie del loro dipendente, ha salvato la donna da molto stress e dolore nel cercare un nuovo lavoro per poter mantenere la sua famiglia. Un bellissimo esempio di amore ed umanità.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!