Iscriviti

Treviso, malato di SLA si fa addormentare e muore

Queste sono state le sue ultime volontà: "Voglio dormire fino all'arrivo della morte, senza più soffrire". Un malato di SLA, Dino Bettamin, 70 anni, da cinque malato, è stato ascoltato e gli è stata somministrata una sedazione palliativa.

Cronaca
Pubblicato il 15 febbraio 2017, alle ore 11:24

Mi piace
6
0
Treviso, malato di SLA si fa addormentare e muore
Pubblicità

Dino Bettamin, 70 anni, macellaio di Montebelluna ha deciso di abbandonare la vita in questo modo. Da cinque anni malato di Sla, rifiutando ogni tipo di trattamento, compresa la nutrizione artificiale, ha chiesto di potersi addormentare per ritrovare quella serenità che da tempo aveva perso.

L’uomo è morto ieri. Il suo caso è il primo di “sedazione profonda” somministrata ad un malato di Sla. “Era una chiara richiesta di sedazione basata su un chiaro sintomo refrattario, dato da un’angoscia incoercibile anche con farmaci e trattamenti psicologici – affermano gli infermieri di ‘Cura con Cura‘, la società privata che dal 2015 si occupa dell’assistenza domiciliare del paziente – nonostante tutta l’umanità e la professionalità con cui è stato assistito nelle varie fasi della patologia“.

La moglie sostiene che suo marito, Dino, sapeva che gli rimanevano pochi giorni di vita. La sera del 5 febbraio la Guardia medica ha cominciato ad aumentare il dosaggio del sedativo che veniva già somministrato al paziente per flebo ed il giorno seguente la dottoressa dell’assistenza domiciliare ha somministrato gli altri farmaci seguendo il protocollo. L’infermiera riferisce che l’uomo non ha mai chiesto di staccare le macchine, terrorizzato dal poter morire soffocato, ma ha voluto seguire questa procedura che gli permetteva di rimanere in linea con la legge, la bioetica e la sua grande fede.

Ieri, una volta che la moglie lo aveva del tutto rassicurato di aver concluso le cose che le aveva chiesto di fare, Dino si è abbandonato al suo destino. Un destino che non aveva scelto, ma che si è concluso, in parte, come ha stabilito lui.

La moglie sostiene fermamente che non si tratta di eutanasia, ma una scelta di vita sua e loro. Anche le infermiere, che lo hanno assistito fino all’ultimo, tengono a precisare che Dino non abbia mai chiesto di poter morire, ma di morire in maniera dignitosa e più indolore possibile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Credo che la scelta che ha fatto quest'uomo insieme alla moglie, sia da rispettare e da capire. Credo che sia stata presa non certo a cuor leggero, ma nello strazio assoluto di una situazione tanto triste, ritengo che possa essere stata l'unica possibilità per andare incontro ad un destino certo di morte nella maniera più serena per tutti. Aiutare qualcuno a lasciare la vita senza provare dolore fisico e mentale, non solo aiuta il paziente, ma anche la famiglia che lo assiste.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!