Iscriviti
Torino

Torino, senegalese aggredisce due poliziotti con una spranga di ferro

Un senegalese ha aggredito due poliziotti con una spranga di ferro. Ora accusato di tentato omicidio, a suo carico sono emersi due provvedimenti di espulsione.

Cronaca
Pubblicato il 22 aprile 2019, alle ore 11:40

Mi piace
2
0
Torino, senegalese aggredisce due poliziotti con una spranga di ferro

Ci troviamo nella periferia Nord di Torino, dove nel giorno di festa di ieri, domenica 21 aprile, due poliziotti sono stati aggrediti da un uomo di 36 anni di origine senegalese.

L’uomo si è scagliato contro i due agenti colpendoli con una spranga di ferro prima di essere fermato. I due agenti, dopo l’aggressione, sono stati condotti in ospedale per i controlli medici.

L’aggressione

Alcuni residenti della zona hanno chiamato le forze dell’ordine perchè, da qualche giorno, un uomo, successivamente identificato come un 36enne di origine senegalese, dormiva in un giaciglio di fortuna sotto alcuni capannoni.

Dopo aver notato l’arrivo dei poliziotti, il senegalese ha afferrato una spranga di ferro e li ha colpiti alla testa e alla mano, urlando “Allah Akbar“. Nonostante le ferite, i due agenti sono riusciti a neutralizzarlo; in seguito alle indagini, si è scoperto che l’uomo aveva due provvedimenti di espulsione.

I poliziotti hanno riportato ferite lievi guaribili in un paio di giorni.

I commenti delle Istituzioni

Molti esponenti politici hanno commentato la notizia ed espresso la loro vicinanza e gratitudine. Il primo è stato il Ministro Matteo Salvini, che ha riportato quanto accaduto specificando che, una volta in questura, lo spregiudicato ha insultato il presidente Mattarella e lo stesso ministro. “Nessuna tolleranza per chi aggredisce le forze dell’ordine” ha affermato Salvini,

Anche il sindaco di Torino, Chiara Appendino, ed il presidente della regione Piemonte, Sergio Chiamparino, esprimono la loro vicinanza agli agenti feriti con un sincero ringraziamento per il duro lavoro che svolgono anche durante le feste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Anche noi ci sentiamo di unirci ai sinceri ringraziamenti verso tutte le forze dell'ordine, che oltre a fare un lavoro molto difficile e rischioso, spendono le loro festività nelle strade della nostra città e non al fianco della loro famiglia. A loro i nostri auguri per una pronta e totale guarigione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!