Iscriviti

Taranto: accoltella il figlio alla gola e lancia la figlia dal terzo piano

E' successo a Taranto nel rione Paolo VI, un uomo di 49 anni al culmine di una discussione ha accoltellato il figlio alla gola e gettato la più piccola dalla finestra

Cronaca
Pubblicato il 7 ottobre 2018, alle ore 19:47

Mi piace
10
0
Taranto: accoltella il figlio alla gola e lancia la figlia dal terzo piano

Un uomo di 49 anni ha accoltellato il figlio 14enne e ha lanciato la figlia più piccola, 6 anni, dal balcone del terzo piano di un appartamento.

L’episodio, accaduto a Taranto in uno stabile del rione Paolo VI, sarebbe avvenuto durante una lite familiare giunta al culmine. La bambina è molto grave, mentre il fratello ha una ferita al collo guaribile in 15 giorni. Il 49enne è stato arrestato con l’accusa di tentato di omicidio.

Le indagini e la ricostruzione dei fatti

La drammatica vicenda si è consumata tra le mura della casa materna dell’uomo arrestato. Alla nonna, infatti, erano stati affidati i due figli minorenni dopo che i genitori si erano separati. I carabinieri hanno riferito, si legge in bari.repubblica.it che “in casa c’erano la madre del 49enne, suo fratello e un nipote dell’uomo”. La causa scatenante potrebbe essere dovuta al fatto che “di recente l’uomo avrebbe perso la potestà genitoriale”.

La bambina è stata immediatamente soccorsa e trasportata in ospedale, ma le sue condizioni sono gravissime: riporta una serie di traumi dovuti alla caduta. La situazione è molto delicata e difficile ed i medici stanno tentando ogni cosa per tenerla in vita.

Ancora non ci sono dati certi, i carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Taranto, sotto la guida del tenente colonnello Roberto Spinola stanno indagando. Il 49enne è stato condotto agli arresti dai carabinieri, mentre la folla dei residenti della zona cercava di linciarlo.

Pare, da una prima ricostruzione da parte degli investigatori, che l’uomo si sia presentato a casa della madre e qui si sia intavolata una discussione probabilmente proprio sulla possibilità dei genitori di incontrare i propri figli. I carabinieri hanno riferito che al momento dell’aggressione in casa c’erano la madre del 49enne, un suo fratello e un nipote. La madre dei due piccoli non era presente. I punti da chiarire sono ancora molti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Purtroppo la storia non sempre è maestra e certe situazioni si ripetono. Chissà perché i figli, grandi o piccoli, devono spesso portare il peso delle liti dei loro genitori. Una storia drammatica, ai confini di ciò che si può arrivare a pensare. Una storia difficile da cancellare nel ricordo del 14enne, della bambina, sperando che ce la faccia a superare i traumi...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!