Iscriviti
Roma

Roma: tenta di sgozzare la moglie, poi si suicida lanciandosi dal balcone

A Ciampino, Alessandro Tolla si è lanciato dal balcone della sua abitazione, dopo avere accoltellato e ferito gravemente la moglie, Maria Giuliano. Per l'uomo non c'è stato nulla da fare, mentre invece la donna è ricoverata in gravi condizioni.

Cronaca
Pubblicato il 29 aprile 2018, alle ore 17:21

Mi piace
5
0
Roma: tenta di sgozzare la moglie, poi si suicida lanciandosi dal balcone

Domenica 29 Aprile alle 5.30 del mattino a Ciampino, alle porte di Roma, è avvenuta una tragedia. Alessandro Tolla, 42 anni, ha accoltellato la moglie tentando di ucciderla, e poi si è gettato dal terzo piano. Marito e moglie, entrambi cittadini italiani, pare abbiano avuto una lite, anche se le cause sono ancora sconosciute. La donna, Maria Giuliano, 37 anni, al momento è in ospedale gravemente ferita, mentre per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Per ora non si conoscono i motivi della lite, che hanno portato l’uomo a compiere il terribile gesto. Di certo, sin dalle prime ricostruzioni è emerso che Alessandro Tolla, dopo un violento diverbio con la moglie, ha agguantato un coltello e l’ha ferita nel tentativo di tagliarle la gola. Maria ha disperatamente cercato di difendersi. Il 42enne, dopo avere ferito la moglie, forse credendo di averla uccisa, si è diretto al balcone e, senza esitare, si è gettato nel vuoto dal terzo piano, cadendo sui garage sottostanti l’abitazione. 

Le urla, diffuse dalla coppia nell’abitazione, avevano svegliato i condòmini, che hanno subito dato l’allarme. Sul posto sono giunti gli agenti del commissariato di Marino e un’ambulanza che ha immediatamente soccorso la donna, poi ricoverata al policlinico di Tor Vergata a Roma. Maria Giuliano, per ora, versa in gravi condizioni. Nell’abitazione della coppia, la polizia scientifica insieme al medico legale e al magistrato sta raccogliendo le prove per cercare di ricostruire ciò che è accaduto alle 5.30 in casa Tolla.

Alessandro e Maria erano sposati da quattro anni: i vicini li descrivono come una coppia felice. Una vita almeno all’apparenza serena vissuta nel centro di Ciampino, tra l’aereporto e Piazza Pace. Lei, avvocato, descritta come una bellissima donna solare, lui – invece – schivo, più timido. Tra i due, mai discussioni e urla. Di sera, raccontano i condòmini, restavano spesso sul balcone della loro abitazione a chiacchierare. Per questo, nessuno riesce a spiegarsi i motivi della lite avvenuta all’alba del 29 Aprile. 

A soccorrere per prima Maria Giuliano, è stata una vicina, che dichiara di essere una sua grande amica: “Sono ancora sconvolta“, ha raccontato la donna. L’avvocatessa è stata sottoposta ad un intervento chirurgico delicato: accanto a lei c’è sua madre.

Tra le prime ipotesi, c’è quella che moglie e marito abbiano discusso per motivi di gelosia, poi degenerata in violenta aggressione. Gli inquirenti, nell’appartamento, hanno sequestrato il pc ed alcune lettere, che saranno sottoposte ad esame da parte della polizia investigativa. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Un gesto estremo e per ora ancora incomprensibile, fino a quando non ci saranno gli accertamenti e le ricostruzioni da parte della polizia. Un ennesimo caso di probabile lite familiare per motivi di gelosia. I casi di femminicidio accompagnati da suicidio aumentano in maniera esponenziale. Si spera che ci sia un modo nel tempo per limitare questi drammi familiari.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!