Iscriviti
Roma

Roma, soffoca la moglie e minaccia di suicidarsi

Dopo aver soffocato la moglie chiama il 112 minacciando di suicidarsi. I Carabinieri lo salvano. Il motivo che ha spinto l'uomo al folle gesto è tragico.

Cronaca
Pubblicato il 29 settembre 2018, alle ore 10:18

Mi piace
3
0
Roma, soffoca la moglie e minaccia di suicidarsi

L’intero quartiene di San Giovanni, a Roma, è sotto choc per la tragica morte di una donna per mano del marito. L’uomo di 64 anni l’avrebbe soffocata per poi chiamare il 112 minacciando il suicidio.

I Carabinieri giunti sul posto sono riusciti a tranquillizzare l’uomo salvandolo da morte certa, e successivamente a constatare il decesso della donna. Il motivo che ha spinto il marito a compiere il folle gesto ha qualcosa di tragico. “Ero stanco di vederla soffrire“, queste le parole del 64enne quando gli è stato chiedo il perchè del suo folle gesto. 

Il fatto e le indagini in corso

L’allarme è arrivato ai Carabinieri poco dopo le 19 della giornata di ieri, venerdì 28 settembre, dove un uomo di 64 anni confessava di aver appena ucciso la moglie soffocandola, ed ora con un coltello in mano minacciava di togliersi la vita. Le Forze dell’Ordine non hanno perso tempo e sono corsi in soccorso dell’uomo, sfondando la porta d’entrata e trovandolo ancora con la lama puntata alla gola in completo stato di choc. I Carabinieri sono riusciti a calmarlo e a salvarlo così dal quel tentato suicidio.

Non appena è stato verificato il fatto, è stato anche constatato che sul corpo della vittima non erano presenti segni di violenza fisica, rendendo così ancora più credibile la morte per soffocamento confessata dal marito. La versione dell’uomo non è stata confermata poichè gli inquirenti vogliono tenere in considerazione l’ipotesi che si sia trattato di in un incidente o di una morte che non ha nulla a che fare con il marito. Lipotesi è che l’uomo abbia trovato il cadavere della moglie e si sia preso le intere colpe minacciando successivamente il suicidio. 

L’uomo ha spiegato che la moglie soffriva da tempo di depressione cronica, e dopo l’ennesima crisi si era stancato di vederla stare tanto male ogni giorno, decidendo così di mettere fine a quella tristezza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Niente giustifica il gesto di togliere la vita a qualcuno, ma da un punto di vista molto distorto e sentimentale, potrei quasi comprendere la sofferenza che quest'uomo provava nel vedere chi ama stare tanto male. La depressione cronica è qualcosa che divora chi ne soffre, e fa soffrire quasi allo stesso modo chi ti ama e ti vede stare in questo modo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!