Iscriviti

Pisa, coppia di fidanzati picchiati per strada perchè gay

Due giovani ragazzi hanno dichiarato di essere gay, e questo ha scatenato il disprezzo di una baby gang che li ha assaliti mandandoli al pronto soccorso.

Cronaca
Pubblicato il 6 ottobre 2018, alle ore 13:18

Mi piace
2
0
Pisa, coppia di fidanzati picchiati per strada perchè gay

Una brutta vicenda è accaduta ieri nella tarda serata a Pisa, quando due fidanzati che camminavano per strada si sono ritrovati aggrediti da una baby gang perchè gay. E’ proprio uno dei due ragazzi a raccontare la vicenda dopo aver sporto denuncia ai Carabinieri questa mattina, descrivendo la terribile aggressione e i motivi che hanno spinto questi giovani ragazzi ad assalirli con disprezzo e cattiveria.

Ci troviamo nel pisano a raccontare l’ennesima aggressione omofoba consumata lungo le strade delle città italiane. Christian Murgo stava passeggiando con il suo fidanzato Marco Barone, con cui ha una relazione ormai da 5 anni. I due giovani innamorati però, entrambi di 24 anni, non si sarebbero mai aspettati di concludere la loro serata al pronto soccorso.

L’aggressione raccontata sui social

E’ proprio Christian Murgo a raccontare l’aggressione sul suo profilo social Facebook, accompagnata dalle foto che mostrano i danni che il suo ragazzo ha subito soprattutto sotto all’occhio, rischiando anche di perderlo proprio come racconta il fidanzato ancora allibito e preoccupato per quanto accaduto.

Gli aggressori, come racconta Murgo, hanno chiesto ai fidanzati conferma che fossero gay dopo averli visti camminare per mano lungo le strade di Pisa, e non appena i due ragazzi hanno confermato di stare insieme, la baby gang ha iniziato ad insultarli.
I commenti che sono volati sono stati davvero pesanti, accompagnati anche da sputi rivolti alla coppia. Dopo le offese verbali, gli adolescenti hanno iniziato ad alzare le mani verso la coppia, rompendo gli occhiali di Marco Barone sul viso del 24enne, tanto da fargli rischiare danni molto seri alla vista. Da qui il fidanzato si è messo tra il ragazzo e gli aggressori per proteggerlo, ma i giovanissimi non si sono fermati e hanno continuato a picchiarli facendoli finire successivamente al Pronto Soccorso.

Questa mattina i due 24enni hanno sporto denuncia ai Carabanieri, che stanno rintracciando gli aggressori grazie alla presenza delle numerose telecamere presenti in strada.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Chissà quanti giovani devono essere ancora picchiati, uccisi e derisi prima che lo Stato decida di fare qualche legge che tuteli ogni essere umani, e la libertà di ogni persone di provare quello che vuole verso chi vuole. Parliamo tanto di libertà, ma la libertà di questi ragazzi di amare dov'è?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!