Iscriviti

Pisa, carabinieri presi a pugni e bastonati dai venditori abusivi. Il ministro Salvini: "Tolleranza zero"

Un gruppo di senegalesi si è scagliato violentemente contro i militari in via Vecchia Barbaricina, a Pisa: sono stati presi a pugni e bastonati. Una vicenda similare era già accaduta nel medesimo luogo, l'agosto scorso.

Cronaca
Pubblicato il 6 giugno 2018, alle ore 19:46

Mi piace
4
0
Pisa, carabinieri presi a pugni e bastonati dai venditori abusivi. Il ministro Salvini: "Tolleranza zero"

Nel primo pomeriggio di martedì 5, in via Vecchia Barbaricina a Pisa, due carabinieri sono stati presi a pugni e bastonati dopo aver sequestrato merce contraffatta: decine di senegalesi si son scagliati furiosi dopo aver preso atto della sottrazione di 160 borse esposte sui teli dipanati in strada. Uno degli agenti ha riportato la rottura del naso, l’altro lesioni alle costole

Dopo l’arrivo di due pattuglie dei carabinieri, un gruppo sostanzioso e minaccioso ha circondato le auto dei militari: urla e proteste si sono innalzate dalla strada prossima a piazza Manin, dove lavorano gli operatori regolari. Attimi di tensione a cui è seguita l’aggressione: i carabinieri sono stati condotti immediatamente in ospedale, i senegalesi si sono dileguati nel nulla.

Nella medesima zona, nell’agosto scorso, tre finanzieri finirono in ospedale dopo aver subito l’aggressione da parte di alcuni abusivi. La vista dei militari, impegnati in un’operazione anti-contraffazione, fece immediatamente scatenare la reazione degli abusivi. I venditori, che da tempo soggiornavano dinnanzi alle Poste, cominciarono a inveire contro gli uomini delle forze dell’ordine per giungere, infine, ad un vero scontro fisico.

La vicenda è stata parzialmente ripresa con un cellulare, e il video è divenuto virale. È giunto puntuale il commento su Facebook del ministro Matteo Salvini: “Venditori aggrediscono i carabinieri e durante un controllo ne mandano all’ospedale uno, al quale invio tutta la mia solidarietà e auguri di buona guarigione. Serve tolleranza zero: espulsioni per i clandestini e restituzione alle nostre città di un clima di legalità, questo è il mio obiettivo“.

Sussana Ceccardi, sindaco di Cascina, ha osservato “Vicino all’ospedale Santa Chiara, un immigrato ha aggredito un carabiniere spaccandogli il setto nasale”, sottolineando che è ancora più vergognoso che questo fatto sia avvenuto proprio nella giornata della festa dell’arma. “Solidarietà al carabiniere aggredito. Vogliamo più regole per una città sicura e vivibile. Grazie ai carabinieri per il lavoro che svolgono quotidianamente, spesso in condizioni assurde e difficili. Cambieremo anche Pisa“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - La situazione in alcune città è particolarmente tesa: Pisa, come la mia città (Firenze), in alcune zone è invasa da venditori abusivi che occupano letteralmente i marciapiedi, impedendo quasi l'ingresso in alcuni negozi. La contraffazione è un reato, e non conta certo la nazionalità di chi vende tali prodotti: italiani, o africani, poco conta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!