Iscriviti

Pavia, 18enne accoltella la madre per poi tentare il suicidio: morto nella notte

Tra il 5 ed il 6 dicembre, un 18enne colpisce la madre ed il fratello con un coltello, per poi tentare il suicidio con la stessa arma. In condizioni gravissime, è morto durante la notte.

Cronaca
Pubblicato il 8 dicembre 2018, alle ore 10:16

Mi piace
1
0
Pavia, 18enne accoltella la madre per poi tentare il suicidio: morto nella notte

Il 18enne di Broni, in provincia di Pavia, che nei giorni scorsi ha tentato di togliere la vita alla madre e di colpire con la stessa la lama anche il fratello, è morto durante la notte presso il Policlinico San Matteo. Dopo aver compiuto il folle gesto verso la famiglia, si era poi chiuso in camera portandosi la lama – che teneva tra le mani – più volte sul collo.

Fin dall’arrivo dei soccorsi, le condizioni del ragazzo sono parse disperate, ma il 18enne è riuscito a lottare per qualche giorno, fino a quando durante la notte è arrivata la notizia che confermava il suo decesso. Fuori pericolo invece la mamma del ragazzo, la 43enne colpita tra il petto e la spalla. Illeso il fratello, che è riuscito a chiamare i soccorsi e a difendersi con i pugni dall’aggressione.

Lite a causa dei problemi economici

Così come raccontano i vicini della famiglia, il giovane era solito litigare con la madre. In molte occasioni, si sono sentite le urla del 18enne che proferiva insulti pesanti contro la donna, ma nessuno avrebbe mai pensato che il giovane sarebbe arrivato a tanto. Secondo alcune indiscrezioni, la famiglia stava litigando per problemi economici, e a causa della mancanza di lavoro che pesava sulle spalle di tutti coloro che vivevano sotto lo stesso tetto.

All’apparenza un litigio senza troppa importanza, ma l’ira di Alessio lo ha portato a compiere il folle gesto. Tornato dalla cucina con un coltello tra le mani, si è fiondato sulla madre 43enne infliggendole dei colpi tra il petto e la spalla. Lasciandola in un lago di sangue, si è poi scagliato sul fratello di 20 anni, salvo grazie ai pugni sferrati per difendersi. Il ragazzo, infine, si è chiuso in camera sua, dove ha deciso di togliersi la vita.

Il fratello maggiore dell’aggressore è riuscito a chiamare i soccorsi, ma quando sono entrati nella camera del 18enne, lo hanno trovato privo di sensi in un lago di sangue. In quei pochi minuti, rimasto da solo, si era portato la lama alla gola più volte. Fin da subito, le sue condizioni sono parse tragiche, ma portato d’urgenza presso il Policlinico San Matteo di Pavia, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico d’urgenza. Mentre la madre è fortunatamente stabile e non più in pericolo di vita, durante la notte è arrivata la notizia del decesso di Alessio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Queste notizie non possono essere commentate, poichè nessuno può sapere i problemi vissuti da quella famiglia. Niente giustifica un gesto come quello fatto dal 18enne, ma dovremmo astenerci nel dare opinioni e giudizi, vista la delicatezza dell'argomento. La speranza è che la madre possa presto rimettersi del tutto, e che trovi la forza dall'altro figlio rimasto al suo fianco.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!