Iscriviti
Roma

Papa Francesco: invita alla preghiera per vincere il diavolo

La Chiesa in questo momento ha bisogno d'essere difesa dal diavolo che cerca di dividerla. Papa Francesco invita i fedeli alla preghiera del Rosario da concludersi con l'invocazione 'Sub Tuum Praesidium' e la preghiera all'Arcangelo Michele

Cronaca
Pubblicato il 30 settembre 2018, alle ore 16:11

Mi piace
10
0
Papa Francesco: invita alla preghiera per vincere il diavolo

Papa Francesco ha invitato i fedeli di tutto il mondo, a pregare ogni giorno il Santo Rosario durante il mese di ottobre, dedicato a Maria.

Ha chiesto di stare uniti quale popolo di Dio, in comunione e in penitenza, nel chiedere a Maria, la Santa Madre di Dio e a San Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa da colui che la vuole dividere, il diavolo, e che sempre mira a separare il fedele da Dio e i fedeli tra di loro.

L’appello del Papa alla preghiera

Qualcuno ha già definito la richiesta di Papa Francesco “speciale” e “globale”, sicuramente “inusuale”. Sullo sfondo si possono cogliere due finalità: il “popolo di Dio” è chiamato a tutelare la Chiesa “dagli attacchi del maligno” e allo stesso tempo è chiamato a prendere consapevolezza “delle colpe, degli errori, degli abusi commessi nel presente e nel passato” impegnandosi “a combattere senza nessuna esitazione perché il male non prevalga” come si legge in una nota della Sala Stampa del Vaticano.

Il vescovo di Roma, secondo la nota pubblicata e diffusa nei giorni scorsi, ha incontrato il direttore internazionale della Rete Mondiale di Preghiera per il Papa, padre Fréderic Fornos, e gli ha chiesto di diffondere il suo appello a tutti i fedeli del mondo, invitandoli alla recita del Rosario quotidiano con l’invocazione conclusiva ‘Sub Tuum Praesidium‘, unitamente alla preghiera a San Michele Arcangelo scritta da Leone XIII, affinché protegga e aiuti la Chiesa nella lotta contro il male.

Ricordando le parole della Prima Lettera di Pietro (1Pt 5,8-9) la Santa Sede ha ribadito l’importanza e la forza della preghiera, è “l’arma contro il Grande accusatore che ‘gira per il mondo cercando come accusare‘”. I grandi Santi come i mistici russi nel momento della prova spirituale si mettevano sotto il manto della Madre di Dio con la preghiera ‘Sotto la tua protezione‘.

Tutto porta a pensare al dito puntato sulla Chiesa per i gravi fatti venuti alla luce negli ultimi mesi, in particolare gli abusi sessuali ai danni di minori e/o di adulti vulnerabili, le divisioni interne causate anche da personaggi vicini al Vaticano. Il Diavolo è per sua natura “divisore” e solo la preghiera può aiutare la Chiesa a stare unita e forte in Cristo, grazie all’aiuto di Maria e di San Michele Arcangelo, il difensore e protettore degli amici di Dio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Quando la preghiera del Rosario ha un'intenzione così precisa, chiara e forte è difficile "dimenticarla" o non trovare il tempo. Credo che la preghiera del Rosario fatta insieme o comunitariamente plasmi il cuore, rassereni la mente e accompagni a una visione "cristiana" della vita e quindi più "umana". L'uomo è fatto per la felicità, per la comunione, per l'amore. Tutt'altra cosa di "divisione".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!