Iscriviti
Palermo

Palermo: genitori facevano prostituire la loro figlia di 9 anni. Arrestati insieme a due clienti

Una bambina di 9 anni era costretta dai suoi genitori ad avere dei rapporti sessuali con amici di famiglia per pochi euro. A quanto pare, la madre gestiva gli appuntamenti di sua figlia.

Cronaca
Pubblicato il 19 febbraio 2018, alle ore 13:18

Mi piace
3
0
Palermo: genitori facevano prostituire la loro figlia di 9 anni. Arrestati insieme a due clienti

In un paesino del palermitano, due genitori costringevano la figlia di nove anni a prostituirsi. Madre e padre della vittima sono stati arrestati per sfruttamento della prostituzione minorile e violenza sessuale. Oltre ai genitori, in manette anche due uomini che avevano rapporti sessuali con la bambina, a pagamento. Il gip ha disposto per i quattro gli arresti domiciliari.

Il tutto risale all’estate del 2017, quando dei militari su una strada di campagna avevano rilevato una vettura appartata. A bordo di essa c’era un uomo anziano con una bambina di 10 anni. Subito sono iniziate le indagini, e i carabinieri avevano rilevato prove che dimostravano come, in varie occasioni, due uomini – un pensionato di 78 anni e un bracciante agricolo di 61- hanno avuto rapporti sessuali a pagamento con la piccola bambina.

Gli appuntamenti venivano fissati e gestiti dalla madre della piccola, che veniva venduta per piccole somme, che oscillavano tra i 5 ai 25 euro. In diverse circostanze, era la stessa madre che partecipava ad atti sessuali in presenza della minorenne. Ai domiciliari anche il padre, che era a conoscenza degli abusi, ma non ha mai denunciato o difeso la figlia dai medesimi.

Il racconto della bambina si è rivelato drammatico. La piccola vive in una situazione di forte degrado e ha raccontato così la sua esperienza terribile: “Vivo con mamma e papà. Il papà si era messo d’accordo con un amico di famiglia che ci aspettava all’interno della sua macchina. Prima ha aiutato il papà, poi si è steso in macchina.”

Così inizia il drammatico racconto della minorenne, che poi continua: ” Quel giorno io ero in macchina con lui, poi siamo scesi e mentre mio padre era fuori mi ha abbassato i pantaloni e gli slip…non era la prima volta. Era successo più volte e ogni volta mi offriva soldi. Spesso è successo anche con mamma“. Questo è ciò che la bambina ha subito ed ha raccontato al gip e ai carabinieri, che hanno ritenuto i fatti pienamente credibili.

Infine, la piccola chiude il racconto, con altri elementi sconcertanti: “Io non volevo avere rapporti con lui, ma insisteva. Poi quando andava via ci dava dei soldi, li dava a me perché diceva che mi voleva bene. Mi dava cinque euro se gli davo un bacio, 25 se facevo qualcosa in più. Questo è successo prima che facessi dieci anni”. La bambina spiega che poi, dopo gli incontri, il padre si sarebbe complimentato con lei e con la madre per “essere state brave”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Un racconto davvero agghiacciante quello di questa bambina. Atti incommentabili compiuti con l'aiuto di chi dovrebbe difenderti ad ogni costo e in ogni situazione. Spero che a questa bambina sia data la possibilità di "cancellare" tutto questo e avere una nuova vita, sperando che la giustizia faccia il suo corso non con semplici "arresti domiciliari".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!