Iscriviti

Padova: 30enne picchiato senza motivo. Arrestati due nomadi

Due nomadi sono stati arrestati per aver aggredito un 30enne all'uscita di un bar. L'uomo lotta tra la vita e la morte. Si suppone si sia trattato di uno scambio di persona

Cronaca
Pubblicato il 4 settembre 2014, alle ore 12:17

Mi piace
0
0
Padova: 30enne picchiato senza motivo. Arrestati due nomadi

Arrestati a Padova due nomadi per aver aggredito senza nessun motivo un uomo all’uscita di un bar. Si suppone si possa essere trattato di uno scambio di persona.

Una terribile aggressione quella portata avanti da due nomadi ai danni di un 30enne, che stava uscendo da un bar di Brugine. Subito dopo essere uscito, infatti, l’uomo è stato aggredito pesantemente e, caduto per terra, aveva sbattuto con violenza la testa sull’asfalto.

L’aggressione gli ha provocato delle serie conseguenze. L’uomo è stato operato d’urgenza al cervello per cercare di rimuovere il vasto ematoma che si era venuto a creare. Adesso si trova ricoverato all’ospedale di Padova in prognosi riservata e si teme per la sua vita.

I carabinieri hanno identificato i due nomadi e li hanno subito arrestati e dovranno adesso rispondere di aggressione e lesioni gravi ai danni di un uomo, che a quanto pare non ha nulla a che vedere con i due. I due uomini, infatti, si sono scagliati contro di lui in maniera mirata, ma molto probabilmente lo hanno scambiato per qualcun altro.

Saranno loro a chiarire la loro posizione ed a spiegare cosa li abbia spinti ad agire con tanta violenza contro questo 30enne, che adesso sta lottando tra la vita e la morte per le vaste e profonde ferite riportate durante l’aggressione.

Le prossime ore saranno cruciali per il futuro di quest’uomo e per gli sviluppi della vicenda, che potrebbero arrivare presto grazie alle dichiarazioni dei due nomadi tratti in arresto. Ancora una volta violenza, quindi, apparentemente senza un motivo ed ancora una volta una vittima inconsapevole del proprio destino.

Non resta che aspettare le prossime ore per conoscere il motivo di questa aggressione, ma soprattutto per avere novità sulle condizioni di salute della vittima, che al momento rimangono molto gravi e fanno temere i medici ed i familiari per la sua stessa vita.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!