Iscriviti

Nuovo dramma della gelosia e della non rassegnazione

I cadaveri di due giovani sono stati ritrovati all'interno di un'auto parcheggiata lungo la strada provinciale nel Viterbese. Un ennesimo femminicidio.

Cronaca
Pubblicato il 18 marzo 2017, alle ore 16:23

Mi piace
8
0
Nuovo dramma della gelosia e della non rassegnazione
Pubblicità

Il dramma è avvenuto nella provincia di Viterbo Un uomo ha sparato alla sua ex fidanzata con la pistola acquistata il giorno prima dopo aver ottenuto il porto d’armi.

La ragazza, 28 anni, colpevole solo di non voler stare più con lui, è stata uccisa nella sua auto dove l’assassino ha poi rivolto l’arma verso se stesso togliendosi a sua volta la vita. Tre colpi: due alla tempia della ragazza, uno per se stesso.

La coppia, insieme fin da ragazzini per ben 16 anni, non era più tale da un po’ e la ragazza frequentava ormai un altro ragazzo; ma, poichè la loro storia era sempre stata fatta di alti e bassi, lui proprio non si dava pace che stavolta fosse finita per davvero.

Aveva, pertanto, raggiunto in moto la sua ex per un chiarimento – l’ultimo diceva – degenerato tristemente in omicidio-suicidio, drammatico epilogo di un amore malato.

La macabra scoperta intorno alle 16,30 di ieri ad opera di alcuni ciclisti che, allarmati dai colpi di pistola provenienti dall’auto in sosta, hanno allertato un mezzo del 118 in transito in quella zona. I sanitari, di fronte ai cadaveri hanno poi, a loro volta, allertato prontamente i carabinieri.

Sarà comunque l’autopsia a chiarire le esatte dinamiche dell’accaduto anche se sembra tutto abbastanza chiaro. Si ascolteranno, come da prassi, anche amici e parenti.

Al vaglio dei carabinieri anche una lettera delirante scritta al pc che pare essere una specie di macabro testamento in cui l’assassino avrebbe sottinteso che la ragazza sarebbe morta con lui.

Tutta la comunità è sconvolta per il tragico accaduto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - Quasi tutti gesti premeditati spinti da ragioni legate al possesso... per quanto mi sforzi, non riesco a trovare un'idea che giustifichi tutto ciò. Tutti gli sforzi che si fanno per combattere il femminicidio mi sembrano sempre vani perchè non passa giorno ormai in cui la cronaca non ci racconti di violenze perpetrate ai danni delle donne con un movente passionale o economico ma sempre ingiustificabile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!