Iscriviti
Napoli

Napoli, condannato a 4 anni l’assassino di Alessandra Madonna. La reazione della madre

Nonostante i 30 anni richiesti dall'accusa, l'assassino di Alessandra Madonna è stato condannato a 4 anni di reclusione. Attimi di tensione in aula dopo la lettura del verdetto. La madre tenta ti uccidersi.

Cronaca
Pubblicato il 28 novembre 2018, alle ore 19:20

Mi piace
2
0
Napoli, condannato a 4 anni l’assassino di Alessandra Madonna. La reazione della madre

E’ arrivata la sentenza per il caso di omicidio di Alessandra Madonna, uccisa nel settembre 2017 trascinata per strada dall’automobile dell’ex-fidanzato. Secondo l’accusa, la morte della ragazza si tratterebbe di un omicidio compiuto da Giuseppe Varriale, che ha consapevolmente trascinato la ragazza fino ad ucciderla, richiedendo perciò 30 anni di carcere per l’ex-fidanzato. La difesa di Varriale invece, definisce la morte di Alessandra come un terribile incidente.

Il gip Santoro del Tribunale di Napoli nord ha preso le distanze sull’accusa di omicidio volontario e, appoggiando la sentenza di semplice incidente stradale, ha condannato l’impuntato a 4 anni di reclusione. Secondo il giovane infatti, dopo che i due si erano incontrati per discutere nuovamente della loro relazione terminata l’anno prima, Alessandra si sarebbe appesa alla portiera dell’automobile che lui aveva già messo in moto, finendo così trascinata ed uccisa poco dopo. 

La reazione della madre al verdetto

Dopo la lettura del verdetto, ci sono stati attimi di tensione in aula di tribunale. I genitori di Alessandra hanno sfogato la loro rabbia e la loro delusione per la sentenza emessa dal giudice.

Mentre il padre della ragazza ha provando a raggiungere il giudice urlando di aver ucciso la figlia per la seconda volta con la sentenza emessa, la madre si è rinchiusa in una stanza del tribunale minacciando il suicidio. A salvare la donna è stata un’inviata Mediaset presente all’udienza che ha provato a parlare con lei fino all’arrivo della polizia. La madre si è detta allibita dal verdetto, pretendendo le scuse del magistrato per aver ucciso la figlia Alessandra per la seconda volta.

Mentre l’inviata Mediaset è riuscita a prendere tempo con la donna, la polizia ha fatto irruzione nella stanza bloccando la madre della vittima poco prima che riuscisse a buttarsi dal balcone del Tribunale, mettendo così fine alla sua vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - L'accusa chiede 30 anni ed il massimo che il 30enne si prende sono 4 miseri anni dietro alle sbarre per aver messo fine alla vita di una giovanissima ragazza nei modi peggiori. Comprendo benissimo la reazione dei genitori, e penso che al loro posto avrei reagito allo stesso modo. E' davvero un verdetto scandaloso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!