Iscriviti
Napoli

Napoli, 17enne ucciso da un Carabiniere: pena dimezzata

Davide è stato ucciso da un proiettile partito dalla pistola di un Carabiniere: la Corte d'Appello di Napoli dimezza la pena. La madre è colta da un malore al momento della sentenza.

Cronaca
Pubblicato il 17 ottobre 2018, alle ore 09:57

Mi piace
2
0
Napoli, 17enne ucciso da un Carabiniere: pena dimezzata

Un fatto accaduto nel 2014, quando il 17enne, Davide, ha perso la vita a causa di un colpo d’arma da fuoco partito per sbaglio dalla pistola di un carabiniere.

Solo in questi giorni è stata formalizzata la sentenza per l’uomo. Inizialmente condannato a 4 anni e 4 mesi, la Corte d’Appello di Napoli decide di dimezzare la pena, facendogli così scontare appena 2 anni. La madre del ragazzo viene colta da un malore durante la sentenza.

I fatti

Erano le 2 di mattina del 5 settembre 2014 quando Davide morì a soli 17 anni. A causare il suo decesso, è stato un proiettile partito per sbaglio dalla pistola del carabiniere, Gianni Macchiarolo, al termine di un inseguimento.

Davide. insieme ad altri due amici, erano in moto senza casco, e dopo aver superato un segnale di fermo senza neanche rallentare, hanno dato inizio all’inseguimento con i Carabinieri. Macchiarolo è riuscito a fermare due di loro, tra cui Davide, ma inciampando ha fatto partire un colpo dalla sua pistola che ha causato la morte del 17enne: non era inserita la sicura all’arma.

La sentenza e la rabbia della madre

Sono state davvero dure le parole della mamma di Davide, che si è sempre battuta perchè il figlio avesse giustizia. Fin dai primi processi, la morte del 17enne è stata considerata un tragico incidente, e nessuno ha mai messo in dubbio che il Carabiniere Macchiarolo non avesse alcuna intenzione di togliere la vita al ragazzo, ma è stata la sentenza della Corte d’Appello di Napoli a scatenare tensioni aula.

Macchiarolo venne precedentemente condannato a 4 anni e 4 mesi, ma la decisione è cambiata e la sua condanna dimezzata. Il Carabiniere dovrà ora scontare appena 2 anni, e la rabbia della madre e dei concittadini è stata davvero enorme.

Gli hanno dato solo 2 anni, neanche avesse ammazzato un cane“, queste le parole della madre nel venire a conoscenza della decisione della Corte d’Appello. La donna è stata anche colta da un malore provocato dallo choc di quelle parole appena ascoltate, mentre prendevano vita molte tensioni davanti all’aula di tribunale dove era stata appena annunciato la sentenza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Ci troviamo di fronte a due famiglie distrutte: quella di un ragazzo che ha perso la vita a soli 17 anni, e anche a quella di un carabiniere che per errore ha causa la morte dello stesso giovane. Il fatto che non abbia inserito la sicura all'arma, è un errore che deve pagare, per ricordare a tutti quanto una svista può mettere fine alla vita di qualcuno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!