Iscriviti

Modena, ritrovato il cacciatore scomparso: il cane ha vegliato sulla salma per giorni

Scomparso lunedì scorso è stato ritrovato il cacciatore Niccoli. Al suo fianco per tutto questo tempo c'era il suo cane, che ha vegliato sulla salma del padrone.

Cronaca
Pubblicato il 18 novembre 2018, alle ore 11:15

Mi piace
2
0
Modena, ritrovato il cacciatore scomparso: il cane ha vegliato sulla salma per giorni

Durante la giornata di lunedì scorso era uscito per una battuta di caccia senza però fare più ritorno a casa. Erano passati ormai quattro giorni da quando si erano perse la tracce del cacciatore 72enne di Pistoia, ma durante la giornata di venerdì le ricerche si sono concluse anche se nel peggiore del modi. A vegliare sulla salma dell’uomo è stato il suo cane, che per quattro giorni e quattro notti non si è mai allontanato dal padrone.

Nonostante i giorni continuassero a trascorrere senza avere notizie di Roberto Valter Niccoli, le speranze di ritrovarlo ancora in vita non hanno mai abbandonato la famiglia del 72enne, purtroppo però venerdì è stata fatta la tragica scoperta. Il setter inglese del cacciatore sembra essere stato decisivo per il ritrovamento del corpo.

Le ricerche e il ritrovamento

Le ricerche di Roberto Valter Niccoli sono iniziate subito dopo la sua sparizione presso le pendici del Sasso Tignoso del comune di Pievepelago, in provincia di Modena. Una squadra numerosa composta da tecnici specializzati del Soccorso alpino regionale, dal nucleo Saf dei vigili del fuoco, dal Soccorso alpino della Guardia di finanza dell’Abetone, da carabinieri e protezione civile, tutti che hanno scrupolosamente settacciato la zona vicino all’automobile abbandonata del 72enne.

La presenza del setter inglese dell’uomo è stata decisiva per il ritrovamento del corpo. Da quanto è stato raccontato infatti, dopo quattro giorni e quattro notti senza poter mangiare, il cane sarebbe riuscito a trovare la strada per ritornare presso l’automobile, dov’è stato individuato dai soccorritori. Da qui è stato poi semplice trovare la strada che conduceva alla salma 72enne, ormai privo di vita.

Il corpo del cacciatore è stato ritrovato molto lontano dall’automobile, presso un greto di un torrente al termine di un pendio erboso molto ripido. Sul corpo sono stati ritrovati i segni delle zampe del setter inglese che fino a quel momento aveva vegliato su di lui. Sono ancora da chiarire le cause del decesso, potrebbe però trattarsi di un malore o di una caduta accidentale. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Una storia che ti spezza il cuore. E' proprio vero quando si dice che gli animali sono molto più umani di noi. La verità è che chi sta crescendo o è cresciuto con un animale in casa, ha avuto una fortuna riservata a pochi, ovvero la fortuna di conoscere i sentimenti puri di amicizia e amore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!