Iscriviti
Milano

Milano. Ragazza 23enne segregata e violentata in casa. Un biglietto lanciato dalla finestra la salva

Una ragazza peruviana di 23 anni è stata sequestrata e violentata ripetutamente dal suo ex compagno. Il fatto è accaduto a Milano, nella zona Corsico.

Cronaca
Pubblicato il 4 novembre 2018, alle ore 09:12

Mi piace
5
0
Milano. Ragazza 23enne segregata e violentata in casa. Un biglietto lanciato dalla finestra la salva

Una ragazza peruviana di 23 anni è rimasta segregata in casa per due giorni dove è stata violentata più volte. Per salvarsi ha scritto un biglietto con una richiesta d’aiuto che ha lasciato cadere in strada gettandolo dalla finestra. Questo è stato raccolto da alcuni passanti, che hanno chiamato immediatamente i carabinieri. Il fatto è accaduto a Milano, nella zona Corsico.

La coppia si era separata dopo che il compagno, poco più che 20enne, era stato denunciato per violenze. Mentre l’uomo viveva nelle vicinanze di Rozzano, la ragazza viveva a Corsico.

La violenza e la richiesta d’aiuto

L’uomo ha sequestrato in casa la compagna per due giorni, dove l’ha minacciata con un coltello e l’ha violentata ripetutamente. Ha costretto la ragazza anche ad uscire con lui e alcuni suoi amici, costringendola a stare in silenzio senza che lei potesse chiedere aiuto. 

Il fatto è accaduto la sera del 31 ottobre quando questi si è presentato alla porta dell’ex compagna ed è entrato con forza. Ha preso a spallate la porta fino a scardinarla ed aprirla. Approfittando di un momento di riposo del suo aggressore, la ragazza ha scritto un biglietto d’aiuto strappando un foglio dal diario del figlio e lo ha lanciato dalla finestra. Ha aspettato che qualcuno lo raccogliesse e ha chiesto di chiamare sua madre per aiutarla; raccolto il messaggio, i passanti hanno immediatamente chiamato le autorità. 

Tratta in salvo dalle forze dell’ordine di Corsico, Milano, la donna è stata condotta in ospedale, alla clinica Mangiagalli, dove è stata confermata la violenza. I medici le hanno dato alcuni giorni di prognosi. Stando alle indagini dei carabinieri, e alle dichiarazioni della ragazza, le violenze avvenivano già dal 2015. Il compagno abusava di lei anche quando era incinta; era spesso ubriaco. Da qui la separazione.

L’uomo, in seguito al fatto, è stato arrestato per violenza sessuale, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - Davanti a questi episodi non si può rimanere che sconcertati. La ragazza è stata molto forte e ha avuto la capacità di agire lucidamente per la sua salvezza. Mi auguro che tutte le donne, vittime di violenze, si decidano a denunciare i propri aggressori prima che sia troppo tardi per la propria salvezza

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!