Iscriviti
Milano

Milano, affissi manifesti con il volto della Madonna tumefatto dalle botte

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, a Milano, sono spuntati dei manifesti che riprendono la Madonna con il volto gonfio d botte.

Cronaca
Pubblicato il 26 novembre 2018, alle ore 18:02

Mi piace
2
0
Milano, affissi manifesti con il volto della Madonna tumefatto dalle botte

La Madonna, madre di Gesù Bambino, ripresa con un occhio nero e il naso sanguinante. È questa l’immagine scioccante apparsa oggi su manifesti affissi a Milano, il giorno dopo la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, e che ritrae la Vergine Maria come anch’essa vittima della violenza degli uomini.

La rappresentazione del volto della Madonna tumefatto è stata poi completata dallo slogan: “Non pregare, agisci: è ora di smettere di perdonare”. L’autore intendeva forse dire che una donna dovrebbe trovare il coraggio di abbandonare l’uomo violento e di denunciarlo anziché sottostare, per ragioni sentimentali e spesso economiche, ai soprusi del marito o del fidanzato facinoroso. 

L’autore del manifesto si fa chiamare “aleXsandro Palombo”, ed è noto per i suoi messaggi di forte impatto emotivo pubblicati già in passato come strumento di provocazione e di sensibilizzazione. Come quando, nel febbraio di quest’anno (in piena vicenda Weinstein), aveva immortalato l’attrice Catherine Deneuve con il volto gonfio di botte. Anche in quel caso, si trattava di una campagna contro la violenza sulle donne.

Questa volta, ad essere ritratta dopo un pestaggio è stata addirittura la Madonna, una che ha perdonato anche gli assassini di suo Figlio: “Assistiamo ad una mattanza quotidiana, donne che subiscono ogni tipo di violenza o uccise dai propri compagni – scrive Palombo su Instagram – È chiaro che ci troviamo davanti a un problema sociale che non trova via di uscita per colpa di leggi inefficaci e mancanza di pene severe.

L’artista si riferisce a tutte le volte che una donna ha denunciato un uomo violento senza ottenere risultati apprezzabili. Dato che la legge sembra abbastanza indulgente con chi, all’interno delle mura domestiche, si comporta da padre-padrone. Arrogandosi il diritto di decidere sulla vita e sulla morte di una donna, secondo un retaggio culturale che in Italia è difficile da debellare. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - I tristi epiloghi di "femminicidi" non scaturiscono mai dalla sera alla mattina, hanno sempre avuto una lunga gestazione causate da conflitti familiari in cui le donne raramente interpretano la parte delle sole vittime. È provato, infatti, che se da una parte abbiamo una violenza maschile che è fisica, dall'altra parte abbiamo anche una violenza femminile che è più psicologica, ma che fa male ugualmente e che quasi mai finisce sui giornali. In un rapporto di coppia ci vuole rispetto dall'una e dall'altra parte. Se questo rispetto viene a mancare, allora meglio divorziare prima che la situazione degeneri. Ma ci sono troppe donne che, per le ragioni più variegate, continuano a convivere con uomini cattivi e violenti, amandoli a tal punto da sopportare la loro arroganza e, spesso, pure le loro legnate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!