Iscriviti
Roma

Migranti "Diciotti" trovano ospitalità al centro Auxilium di Ariccia

La Cei ha chiaro che "Questa è una risposta di supplenza" e non può essere "la risposta". Solidarietà ed emergenza, politica e cultura, lavorano insieme in un Paese democratico.

Cronaca
Pubblicato il 27 agosto 2018, alle ore 17:03

Mi piace
11
0
Migranti "Diciotti" trovano ospitalità al centro Auxilium di Ariccia

Il sottosegretario Cei e direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali, don Ivan Maffeis ha comunicato all’agenzia dei vescovi italiani (Sir) che dall’hotspot di Messina i migranti della Diciotti, che la Chiesa italiana ha preso in carico, verranno trasferiti nel centro di Ariccia dell’Auxilium, in attesa di essere ospitati nelle tante diocesi che hanno dato la disponibilità: Torino, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro…”, citando le diocesi di cui il sacerdote è a conoscenza. Ricorda inoltre che la Chiesa italiana, nelle varie strutture delle diocesi, accoglie già oltre 26 mila persone.

Don Maffeis ci tiene a chiarire che “Questa è una risposta di supplenza. Non è ‘la risposta’. La risposta di un Paese democratico matura attraverso ben altri processi”. Allo stesso tempo, si dice convinto che le risposte di solidarietà e di umanità, come quella che sta attualizzando la Chiesa, possono aiutare il Paese a sviluppare una cultura dell’accoglienza.

Vista la situazione di stallo in cui queste persone si trovavano, e da diversi giorni, la presidenza Cei ha cercato una risoluzione dignitosa, veloce e concreta. Comunicati ed appelli generici ormai non erano più in grado di risolvere nulla, cosa che poteva fare invece “una disponibilità all’accoglienza concreta, fattiva ed immediata“.

Molte diocesi si sono rese disponibili “spontaneamente” ad accogliere i migranti, senza dover forzare con appelli i vari vescovi. Quanti saranno i migranti accolti dalla Cei ancora non è chiaro: “La Chiesa italiana – afferma sempre don Maffeis – è disposta a prendere tutti quelli che hanno necessità”: non è importante sapere quanti sono, ma accoglierli!

Don Maffeis spiega poi i processi di maturazione di un Paese democratico, indicando “livelli diversi” per affrontare il tema dell’immigrazione. La solidarietà e l’emergenza sono un primo livello necessario, ma i fenomeni di questa portata, non vanno risolti solo così. La politica e la cultura di un Paese devono interrogarsi e divenire partecipi di quanto accade. La solidarietà e l’emergenza, la politica e la cultura, dunque, devono collaborare e non restare ad attendere “che maturino politiche o culture dell’accoglienza che superino la globalizzazione dell’indifferenza“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Quando la Chiesa si fa carico delle persone, degli ultimi della società, dei poveri, dei bambini, dei migranti...io applaudo. Penso sia questo uno dei suoi compiti. Risollevare le persone, offrire una vita dignitosa, renderle ciò che veramente sono ("uomini" amati da Dio) significa dar loro pace, gioia, amore, speranza di un futuro.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

27 agosto 2018 - 17:05:15

Mi chiedo come mai nessun paese mussulmano accolga i propri fratelli che, a quanto vedo, sono molto religiosi.

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Marilena Carraro

27 agosto 2018 - 18:25:58

La vita cristiana non può essere staccata dalla preghiera rivolta a "Dio amore" con tutte le conseguenze di chi l'accoglie come tale.

0