Iscriviti

Mantova, brucia la casa per vendetta contro la moglie: morto il figlio di 11 anni

La moglie lo vuole lasciare, così un 52enne dà fuoco alla casa in cui vivevano. Il figlio di 11 anni muore soffocato dal fumo provocato dall'incendio. Salvo l'altro figlio presente in casa.

Cronaca
Pubblicato il 23 novembre 2018, alle ore 14:24

Mi piace
3
0
Mantova, brucia la casa per vendetta contro la moglie: morto il figlio di 11 anni

Da tempo si registravano problemi nella famiglia mantovana residente a Sabbioneta. La donna, a causa delle violenze subite dal marito, è stata costretta a rifugiarsi per un periodo presso una casa famiglia, insieme ai tre figli avuti con l’uomo. Dopo che il Tribunale ha emesso il divieto a Gianfranco Zani, 52 anni, di avvicinarsi alla famiglia, la donna ha avuto il coraggio di presentare la richiesta di divorzio, ma questo ha fatto arrabbiare il 52enne che ha escogitato una vendetta ai danni della moglie.

Non sono nuove le notizie che vedono i figli delle coppie separate nel mirino delle vendette che i coniugi compiono l’uno verso l’altro. Quello di Sabbioneta, in provincia di Mantova, è uno di quei casi finito nel modo più tragico. Appiccando il fuoco nell’abitazione, dove abitava con la moglie ed i figli fino qualche giorno prima, il padre ha ucciso Marco di 11 anni.

La vendetta verso la moglie

La coppia, separata da poco ed in procinto di divorziare, aveva tre figli: il maggiore di 17 anni e i due bambini più piccoli di 11 e 4 anni. Il giorno del tragico incendio la madre era appena uscita di casa con il figlio maggiore per accompagnarlo all’oratorio. L’uomo, che sorvegliava l’abitazione da alcune ore, ha messo in atto la sua vendetta non appena ha visto la moglie uscire di casa, appiccando il fuoco ad alcuni mobili presso il piano superiore della villetta.

La donna, originaria dell’Est d’Europa, ha visto il 52enne per strada mentre faceva ritorno a casa e, sospettando fosse successo qualcosa ai figli lasciati da soli nell’abitazione, è corsa alla villetta ritrovandosi davanti alla tragica scena: del fumo fuoriusciva dalle finestre del piano superiore. All‘interno della casa era presente il figlio minore di 4 anni e Marco di 11, che era andato a riposare nella sua cameretta.

La mamma, in completo stato di choc, è riuscita a portare fuori il bambino più piccolo, senza riuscire però a raggiungere Marco al piano superiore. Chiamati subito i soccorsi, sono stati i Vigili del Fuoco a raggiungere il terzo figlio, trovandolo in condizioni molto critiche. Una volta arrivato in ospedale, è stato dichiarato il decesso del ragazzo. Il 52enne è stato rintracciato, fermato e messo in manette. Non si sa ancora se l’uomo fosse a conoscenza della presenza dei figli al momento del folle gesto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Purtroppo, i figli subiscono sempre le lotte tra genitori. Oltre a crescere in un luogo in cui sentono continui insulti e sentimenti d'odio, spesso sono testimoni delle violenze che le madri subiscono e, nei casi peggiori, ricevono anche loro quelle stesse violenze. Ultimamente, oltre a queste terribili situazioni, si sentono di figli usati per vendicarsi del compagno. Assurdo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!