Iscriviti

Lego produrrà componenti in plastica vegetale ricavata dalla canna da zucchero

Anche l’azienda danese non poteva non adeguarsi alla sempre più imperante svolta “green”. Già nel 2018 lancerà sul mercato una prima serie di pezzi realizzati con plastica di origine vegetale.

Cronaca
Pubblicato il 5 marzo 2018, alle ore 11:54

Mi piace
15
0
Lego produrrà componenti in plastica vegetale ricavata dalla canna da zucchero

Ormai è sotto gli occhi di tutti: sono sempre di più le aziende a prendere delle scelte eco-sostenibili. In questo contesto anche Lego non voleva certo essere da meno. La società danese ha infatti annunciato che per la produzione di alcuni suoi pezzi impiegherà della plastica vegetale: queste nuove componenti saranno messe in vendita già nel corso di quest’anno.

La rivoluzione “green” sarà inizialmente limitata al 1-2% della quantità totale di pezzi prodotti: si tratterà di quelle componenti botaniche come cespugli, alberi e foglie. Per realizzarle verrà implementato un processo produttivo in cui si otterrà del polietilene a base vegetale. Per ricavarlo si farà uso dell’etanolo a sua volta recuperato dalla canna da zucchero. Il polietilene così ottenuto altro non sarà che una plastica morbida e flessibile che garantirà una più che adeguata resistenza nel tempo.

L’anima verde di Lego non finisce però qui: la società ha tra le altre cose collaborato con il WWF al fine di creare e sostenere la domanda di mercato della plastica derivante da fonti sostenibili. Da qui si spiega la sua adesione alla Bioplastic Feedstock Alliance (BFA), iniziativa voluta del WWF al fine di garantire l’approvvigionamento sostenibile della materia prima bioplastica da utilizzare a livello industriale.

L’obiettivo del gruppo Lego è quello di avere un impatto positivo sul pianeta, e stiamo lavorando molto per sviluppare nuove materie sostenibili da utilizzare per la realizzazione di fantastici giochi per bambini“, ha dichiarato Tim Brooks, Vice Presidente e Responsabile della Sostenibilità ambientale del gruppo Lego.

Attualmente Lego utilizza più di 6mila tonnellate di plastica all’anno, ed è per questa ragione che la rivoluzione green non poteva certo farsi attendere. I danesi puntano infatti a diventare un’azienda in cui tutti i prodotti offerti saranno totalmente riciclabili. Per farlo dovrà studiare le alternative sostenibili che permettano di rimpiazzare le oltre 20 tipologie di plastiche convenzionali attualmente utilizzate. La deadline per attuare la strategia a rifiuti zero rimane fissata al 2030.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Lego è una grande società conosciuta in tutto il mondo, ed è per questo motivo che deve sentire sulle proprie spalle la responsabilità di fare da apripista "green" nel settore dei giocattoli. La scelta intrapresa pur essendo un piccolo passo per la riduzione dell’impatto ambientale, è comunque apprezzabile e migliora ulteriormente l’immagine del brand.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!