Iscriviti

Lʼospedale di San Marino nega il soccorso a una 17enne italiana: è straniera

L'ospedale di San Marino ha negato il soccorso a una 17enne italiana, caduta in moto a Montelicciano, frazione in provincia di Pesaro-Urbino, al confine con la piccola Repubblica.

Cronaca
Pubblicato il 23 ottobre 2018, alle ore 06:10

Mi piace
6
0
Lʼospedale di San Marino nega il soccorso a una 17enne italiana: è straniera

L’episodio è avvenuto nell’ospedale della piccola Repubblica di San Marino.

Una 17enne italiana a seguito di un incidente in moto avvenuto nella zona della provincia di Pesaro- Urbino, data la vicinanza con San Marino si è recata con l’ambulanza in quell’ospedale. A seguito di richiesta di ricovero, appurato che la ragazza non era sammarinese, la struttura ospedaliera ha negato l’accesso dell’ambulanza.

Il fatto

Il medico del 118, il dottor Michele Nardella, intervenuto sul luogo della caduta con l’ambulanza, ha raccontato che a seguito del diniego da parte dell’ospedale di San Marino, di ricovero della ragazza, sono stati costretti a portale all’ospedale di Urbino, distante 25 chilometri di strada tortuosa ed impervia,  impiegandoci quasi un’ora prima di arrivare, condannando la giovane anche a piangere per i sobbalzi che è stata costretta a subire dovendo percorrere strade insidiose e piene di buche.

La replica alle accuse

L’Istituto per la Sicurezza Sociale del Titano della Repubblica sammarinese, tramite una nota ha replicato che l’Ospedale di Stato San Marino non ha mai rifiutato le cure a nessuno ed anzi in molte occasioni le ambulanze sammarinesi sono intervenute al di fuori dei confini di Stato per prestare soccorso a pazienti di qualsiasi nazionalità.

L’Istituto ribadisce che la loro replica nasce a seguito del clamore mediatico posto in essere dal dottor Nardella, medico del 118, che ha dichiarato che l’ospedale di San Marino avrebbe rifiutato le cure per la giovane 17enne italiana, vittima di un incidente stradale alle gambe, in particolare alle ginocchia.

L’Ente sammarinese ribadisce la sua assoluta estraneità ai fatti attribuitegli, ribadendo al contempo, la loro piena disponibilità a prestare le cure ad ogni cittadino sammarinese o straniero che si rivolga a loro. I fatti però raccontati dal dottor Nardella sono diametralmente opposti. La vicenda necessita di ulteriori accertamenti al fine di verificare la veridicità delle dichiarazioni espresse dalle due parti contrapposte. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Un episodio lascia veramente perplessi. Ancora non è chiaro come siano andati veramente i fatti perchè siamo di fronte a due dichiarazioni diametralmente opposte. L'ospedale di San Marino che nega ogni addebito da un lato ed il dottore del 118 che invece li accusa. Se fosse vero, una vicenda del genere è molto grave.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!