Iscriviti
Milano

Incidente in tangenziale est. 35enne muore 5 giorni dopo il suo amico

Paolo Mantovani, 35 anni, è rimasto coinvolto in un incidente mortale che lo ha strappato alla vita appena 5 giorni dopo la morte di un suo caro amico.

Cronaca
Pubblicato il 22 settembre 2018, alle ore 12:59

Mi piace
9
0
Incidente in tangenziale est. 35enne muore 5 giorni dopo il suo amico

Su Facebook appena 5 giorni fa aveva scritto: “Ciao Max, ci vediamo prestoMorte bastarda, vieni a prendermi che sono prontoFratello non dovevi“, post corredato di foto dell’amico che si trovava allo stadio a vedere l’Inter in gruppo.

E’ morto allo stesso modo dell’amico, Paolo Mantovani, chiamato Paolino dagli amici, 35 anni, brianzolo, che la notte di giovedì 20 settembre ha tamponato un auto in tangenziale vicino Monza ed il forte impatto lo ha fatto sbalzare fuori dall’abitacolo della sua Smart, uccidendolo sul colpo. Il corpo di Paolo è stato trovato a 100 metri di distanza dallo schianto per il fatto che il giovane guidasse ad una velocità sostenuta e non indossasse nemmeno la cintura di sicurezza.

L’incidente. La storia di Massimo e di Paolo

L’impatto è avvenuto precisamente all’altezza dell’uscita di Concorezzo, nei pressi di Monza, lungo la tangenziale est di Milano.

Sulla dinamica dell’incidente di Paolo se ne sta occupando la Polstrada svolgendo tutte le indagini del caso. Gi agenti della Polstrada sono prontamente intervenuti ritrovando il suo telefonico ed il conducente dell’altra autovettura coinvolta, illeso.

Le frasi postate sul suo profilo Facebook si sono dimostrate macabramente profetiche. Infatti appena lo scorso sabato, un suo caro amico, Massimo, 36 anni, commercialista brianzolo, era morto sempre per un incidente stradale. Probabilmente un colpo di sonno, gli ha fatto perdere il controllo della sua Volkswagen Polo che si è schiantata contro le pareti del tunnel che taglia in due la città di Monza, lungo la Statale che collega Milano a Lecco.

La morte dell’amico era stato un duro colpo per Paolo che negli ultimi anni stava attraversando un periodo emotivamente difficile. Dieci anni fa la perdita della mamma da cui non era riuscito a riprendersi del tutto. Poi di recente una delusione sentimentale che lo aveva ulteriormente indebolito emotivamente. Era appassionato di calcio ed arti marziali. Di lui restano solo quelle frasi premonitorie su Facebook che lo strappato alla vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Una vicenda che fa rabbrividire. Morire 5 giorni dopo aver scritto delle frasi su Facebook per ricordare il proprio amico morto in un incidente stradale e fare poi la stessa fine. Sembra quasi la scena di un film giallo. Di questi tempi postare frasi su Facebook è diventato indice di cattive premonizioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!