Iscriviti
Milano

Incendio al centro rifiuti di Milano: fumi e cattivo odore ma nessun pericolo

Nella sera del 14 ottobre è scoppiato un incendio nel deposito dei rifiuti di via Chiasserini, tra Quarto Oggiaro e la Bovisasca, Milano. La situazione è sotto controllo anche se si continuano a sentire e vedere cattivi odori e fumi

Cronaca
Pubblicato il 18 ottobre 2018, alle ore 08:08

Mi piace
3
0
Incendio al centro rifiuti di Milano: fumi e cattivo odore ma nessun pericolo

Un incendio è scoppiato, la sera del 14 ottobre, nel deposito di rifiuti di via Chiasserini, a Milano. L’odore e i fumi continua a persistere e ad essere visibili in numerose zone di Milano.

L’incendio ha destato preoccupazione nei cittadini di Milano. Secondo quanto riferito dalle unità di soccorso e dai rilievi ambientali effettuati, non ci sono rischi per la salute. L’area è comunque ancora tenuta sotto monitoraggio e controllo.

L’incendio

L’incendio è scoppiato la sera del 14 ottobre nel deposito di rifiuti della ditta IPB di via Chiasserini, tra Quarto Oggiaro e la Bovisasca. L’odore e i fumi della spazzatura bruciata sono visibili e percepibili anche dalla Stazione Centrale di Milano al Duomo a causa dei forti venti. Nel deposito erano stati stoccati 16mila metri cubi di rifiuti.  

Sul posto sono intervenuti e sono ancora a lavoro i vigili del fuoco che si stanno occupando dello smassamento dei rifiuti e la bonifica dell’area. Per l’operazione si stanno utilizzando bulldozer e un ragno meccanico.  

È allarmismo tra i milanesi e lo stesso l’assessore Granelli ha dichiarato: “è chiaro che l’odore c’è e sappiamo anche che quando brucia la plastica si produce diossina, quindi meno tempo di esposizione c’è e meglio è per tutti“. Secondo i rilievi dell’Arpa, Agenzia regionale per la protezione ambientale, allo stato attuale non ci sono rischi per la loro salute. La zona resta comunque controllata e monitorata da parte dell’ARPA, dei vigili del fuoco, ATS, Comune, Regione e Protezione civile.
In via precauzionale, è stato diramato un comunicato nel quale si invitano i cittadini della zona interessata dai fumi di tenere le finestre chiuse e non sostare a lungo all’aperto.  

Sono in corso le indagini per individuare i responsabili dell’incendio. Nella giornata di oggi si terrà nella zona dell’incendio una task force alla presenza di Comune e Regione Lombardia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - L'inquinamento atmosferico e i danni per la salute dell'uomo sono temi molto sentiti a Milano. Oggi, oltre allo smog, i milanesi devono fare i conti con le emissioni di fumi e cattivi odori causati dalla spazzatura e dalla plastica bruciata nel deposito rifiuti. Sebbene sia stato garantito che non ci sono rischi per la salute è importante seguire le indicazioni delle forze dell'ordine.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!