Iscriviti
Roma

Guidonia: bimbo di 4 anni morto soffocato da un wurstel dopo cinque giorni di coma

Il piccolo Davide è morto dopo cinque giorni di coma in seguito ad un soffocamento provocato da un pezzetto di wurstel. I genitori e i medici hanno sperato fino all'ultimo, ma non c'è stato nulla da fare.

Cronaca
Pubblicato il 17 maggio 2018, alle ore 18:08

Mi piace
4
0
Guidonia: bimbo di 4 anni morto soffocato da un wurstel dopo cinque giorni di coma

La speranza che Davide si salvasse è durata cinque giorni, fino alla mattina del 16 Maggio, ma il piccolo di 4 anni si è arreso dopo essere stato ricoverato in gravissime condizioni al Gemelli. Il piccolo è rimasto soffocato da un wurstel.
Nella serata del 10 Maggio, Davide è stato tradito da un pezzetto di wurstel finito di traverso. A soccorrerlo per primi sono stati il nonno e il padre che lo hanno sentito tossire in modo strano, così si sono subito accorti che Davide non respirava e rantolava.

I due hanno portato subito il piccolo nella sede della Croce Blu di Guidonia, dove i medici lo hanno rianimato per 20 minuti. Subito dopo averlo stabilizzato è stato trasferito con l’eliambulanza al Gemelli di Roma. Nel trasferimento il piccolo era ancora in gravissime condizioni, ma la speranza era che si potesse salvare. Dopo cinque giorni è arrivata la tragica notizia che ha sconvolto la famiglia e l’intera comunità.

Un dramma per la famiglia del piccolo Davide, in attesa di un altro figlio. La parrocchia di Sant’Angelo si è stretta intorno alla famiglia con la preghiera. Sconforto invece nella Croce Blu dove, nella serata del 10 Maggio, medici ed infermieri hanno dato anima e corpo per salvare il piccolo da quella drammatica apnea ogni istante.

Il presidente della Croce Blu ha commentato la notizia con la voce rotta dall’emozione: Non abbiamo mai smesso di pensare a lui in questi giorni e a crederci” e poi continua: “Oggi questa notizia ci turba profondamente. Se ci sarà l’assenso della famiglia dedicheremo al piccolo Davide il prossimo corso Pbls, quello per insegnare le manovre salvavita che chiunque, una volta apprese, può praticare sui bimbi in caso di emergenza”.

Solidarietà alla famiglia arriva anche dalla squadra di calcio “Polisportiva Sant’Angelo Romano” che nella prossima partita scenderà in campo con il lutto al braccio. Il funerale di Davide non è stato ancora stabilito. Nel frattempo il caso ha riportato in evidenza una battaglia dei cittadini di Guidonia: un pronto soccorso attrezzato per le emergenze.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Una tragedia assurda quella del piccolo Davide, che purtroppo succede ancora troppo spesso. Credo sia essenziale creare dei corsi obbligatori dove insegnare ai neo genitori le manovre salva vita, come la manovra di Heimlich, per evitare drammi come questo. In queste situazioni ogni secondo è fondamentale per riuscire a salvare la vita dei bambini.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!