Iscriviti
Genova

Genova, vigili urbani offesi sui social: scatta la denuncia

Scattata una denuncia per diffamazione a otto persone che, attraverso i social, avevano offeso i neo assunti della polizia municipale. Facebook e social in generale hanno normative equiparabili a quelle che regolano i giornali.

Cronaca
Pubblicato il 4 giugno 2018, alle ore 17:01

Mi piace
9
0
Genova, vigili urbani offesi sui social: scatta la denuncia

Il noto social network di Mark Zuckerberg, Facebook, come si sa nato per tenere uniti un gruppo di studenti, con il passare degli anni e l’aggiungersi dei profili, è diventato presto la piazza di tutti. Molti utenti lo usano proprio come farebbero nelle piazze di paese: si fa, si dice, si critica, si ride…poi ognuno torna a casa, e la piazza resta in silenzio, vuota. Altri – invece – lasciano i loro post esposti alla visione di chiunque, come si fa nelle bacheche scolastiche, dove chi non c’era può sempre venir informato di ciò che è accaduto o accadrà.

A differenza delle piazze fisiche però, una notizia su Facebook, se rilevante o di interesse, fa presto a raggiungere il mondo intero, e per questo bisogna porre attenzione a ciò che si posta per non incorrere in denunce per diffamazione o altro.

A Genova, otto persone, hanno offeso, attraverso i social, i 38 vigili urbani alla notizia della loro assunzione. La cosa non è passata inosservata, e le tre donne e i cinque uomini in questione sono stati denunciati dal comandante dei vigili urbani, Gianluca Giurato. Inutile ripetere le frasi incriminate, basti sapere che le normative vigenti su questo argomento per i giornali valgono anche per i social network.

Un esperto informatico del reparto Giudiziaria è stato incaricato a condurre l’indagine che presto, grazie anche all’ip delle linee da cui i post erano stati inviati, è riuscito a risalire, al di là dei nickname, all’identità dei veri autori dei post offensivi, come scrive l’edizione locale di Repubblica.it.

Il comandante Giurato ha riferito che questa non è la prima volta che s’imbatte in situazioni del genere. Quando era a capo del corpo municipale di Pavia, era successo un fatto analogo e, allora, il risarcimento danni fu devoluto in beneficenza. Ha poi aggiunto: “Io pretendo molto dai miei uomini, ma il mio ruolo mi impone di difenderli. Ecco perché parlerò con gli agenti“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Mi stupisce come i genovesi hanno reagito: invece di pensare alla sicurezza, hanno pensato al costo, invece di ritenere la scelta un aiuto - in aggiunta alla sicurezza - hanno misurato le tasche, invece di pensare che 38 famiglie avrebbero avuto un introito, hanno calcolato il tornaconto. Mi auguro che presto ci ripensino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!