Iscriviti

Frosinone, spara nel sonno i figli di 26 e 18 anni, poi si suicida

Gianni Paliotta, ferroviere in pensione di 70 anni, ha sparato a colpi di fucile nel sonno i suoi due figli, infine si è suicidato. Sconosciute al momento le cause del gesto.

Cronaca
Pubblicato il 21 agosto 2018, alle ore 13:41

Mi piace
4
0
Frosinone, spara nel sonno i figli di 26 e 18 anni, poi si suicida

Un uomo di 70 anni ha ucciso i suoi due figli e infine si è tolto la vita. L’omicidio-suicidio familiare è avvenuto a Esperia, in provincia di Frosinone verso le 7 di mattina di martedì 21 Agosto. Gianni Paliotta, ferroviere in pensione ha assassinato i suoi figli di 26 e 18 anni con una pistola detenuta regolarmente. Alla tragedia è sfuggita la moglie che non era presente in casa.

Stando alle prime informazioni pubblicate da Il Messaggero, l’uomo ha sparato al figlio Marino di 26 anni e alla figlia Isabella di 18, mentre dormivano nella loro abitazione a Piazza Consalvi. La mamma, unica sopravvissuta era andata all’ufficio postale. Proprio quest’ultima ha scoperto i corpi senza vita dei suoi figli e di suo marito, che si è suicidato dopo l’uccisione dei due giovani.

Ancora sconosciute sono le cause alla base dell’omicidio-suicidio, infatti stando ai primi riscontri in famiglia non vi erano tensioni e l’uomo godeva di buona salute.Sul posto sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Frosinone e della compagnia di Pontecorvo, oltre al sostituto procuratore di Cassino Roberto Bulgarini Nomi ed il medico legale, che indagheranno per stabilire movente e causa dell’omicidio-suicidio.

Tra alcune ipotesi alla base del gesto di Gianni Paliotta ci sarebbe la malattia ai reni di Isabella, che era sopravvissuta grazie ad un trapianto di rene, donatogli proprio dalla madre, Filomena De Angelis. A quanto pare l’uomo non avrebbe mai accettato la malattia di sua figlia.Isabella, si era diplomata di recente e doveva iniziare l’università di Giurisprudenza, mentre invece Mariano, lavorava a Roma come chimico e tornava dai suoi genitori soltanto per le vacanze estive.

La comunità di Esperia, il piccolo paesino dove vive la famiglia è sotto choc, il sindaco della cittadina ha dichiarato: “Era una famiglia perbene” e poi continua: “è un colpo a ciel sereno, nessuno se lo aspettava“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Una tragedia familiare che al momento non trova senso e risposte. Difficile immaginare cosa sia successo nella mente dell'uomo per arrivare a compiere questo folle gesto. Si spera che le indagini facciano luce su ciò che è accaduto soprattutto per fornire delle risposte all'unica sopravvissuta, ossia la madre dei due giovani ragazzi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!