Iscriviti

Fedez e la sua vicinanza alle vittime di Corinaldo e al collega Sfera Ebbasta

Il rapper e giudice di X-Factor Fedez, pubblica un video nelle stories di Instagram per commentare la strage di Corinaldo ed esprimere la sua vicinanza alle vittime e al collega Sfera Ebbasta.

Cronaca
Pubblicato il 9 dicembre 2018, alle ore 12:14

Mi piace
3
0
Fedez e la sua vicinanza alle vittime di Corinaldo e al collega Sfera Ebbasta

Dopo la terribile strage avvenuta presso una discoteca di Corinaldo, in provincia di Ancona, si continua ad indagare per scoprire le vere cause che hanno portato alla morte cinque minorenni ed una mamma presenti nel locale. I commenti che prendono vita nel web, sono come sempre tra i più feroci e spesso anche ingiusti verso l’artista Sfera Ebbasta, che in quella serata si sarebbe dovuto esibire nella discoteca.

Sono di queste ore le stories presenti nel profilo Instagram del famoso rapper milanese Fedez, impegnato anche quest’anno a svolgere il ruolo di giudice ad X-Factor. Il commento dell’artista è rivolto non solo alle vittime della tragedia e a tutte le famiglie che in questo momento stanno soffrendo, ma anche al collega Sfera Ebbasta, che nelle ultime ore è vittima di insulti nel web.

La vicinanza di Fedez alle vittime

Questa moda degli spray al peperoncino, io davvero non la capisco“, così inizia una delle stories del rapper milanese Fedez, che tra gli impegni lavorativi sul palco di X-Factor si prende del tempo per commentare quanto accaduto a Corinaldo, dove si presume che qualcuno abbia spruzzato dello spray urticante all’interno di un locale pieno di persone, creando il panico nella folla che, per uscire, velocemente ha schiacciato ed ucciso sei persone, cinque delle quali minorenni.

Fedez si dice davvero sotto choc, aggiungendo che non è pensabile morire per essere andati ad un concerto. L’artista vuol anche lanciare un allarme per la sicurezza nei locali. Così come lui stesso è stato testimone, in molti posti mettono come scopo principale durante le serate quello di vendere il maggior numero di biglietti, senza controllare le normative sulla sicurezza. Così come lo stesso rapper afferma, non sa se è il caso di Corinaldo, ma ci tiene a fare un appello a tutti i locali, perché prestino attenzione alla sicurezza del posto.

Per ultimo, l’artista milanese sottolinea la sua vicinanza al collega Sfera Ebbasta, che in queste ultime ore si trova sommerso di insulti da parte di persone adulte, che nel mondo del web sembrano accusarlo della tragedia. “È colpa della tua musica di m***“, si legge sotto ad alcune foto e agli articoli che trattano la vicenda.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Trovo assurdo che ora la colpa venga scaricata sull'artista, e la cosa che lascia ancora più senza parole è che a scrivere queste cattiverie siano persone adulte, anche sui 40 o 50 anni, persone che dovrebbero essere mature e che probabilmente sono padri e madri di famiglia. Davvero senza parole.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!