Iscriviti
Milano

Egiziano colpisce con calci, pugni e morsi la sua convivente

Un 27enne di origini egiziane è stato tratto in arresto dalla polizia di Milano a seguito di maltrattamenti reiterati nei confronti della sua convivente italiana.

Cronaca
Pubblicato il 11 settembre 2018, alle ore 09:27

Mi piace
4
0
Egiziano colpisce con calci, pugni e morsi la sua convivente

Nella notte tra sabato e domenica a Milano, una donna italiana è stata oggetto di numerosi e reiterati maltrattamenti da parte del suo convivente egiziano. L’uomo si è appostato davanti al locale dove la donna lavora ed ha cominciato a scagliarsi violentemente contro di lei. Dapprima l’ha schiaffeggiata, poi non contento le ha rotto il cellulare per impedirle di chiamare la polizia ed infine l’ha trascinata per i capelli.

Qualche ora più tardi poi si è presentato davanti casa e con un calcio ha sfondato la porta ma la donna fortunatamente è riuscita lo stesso ad allertare le forze dell’ordine che hanno tratto immediatamente in arresto l’uomo. Stamattina è stato anche convalidato l’arresto da parte del giudice del giudizio direttissimo che ha disposto per l’aggressore anche la custodia cautelare in carcere.

I precedenti

Il soggetto non era comunque nuovo a simili performaces. Infatti già nell’ottobre 2017 era stato arrestato per aver picchiato violentemente la convivente dell’epoca. L’uomo dallo scorso febbraio avrebbe costretto la nuova compagna a subire violenze di ogni genere, impedendole di chiedere aiuto.

Oltre a calci e pugni, l’egiziano aveva anche preso a morsi la convivente infliggendole maltrattamenti fisici e psicologici ripetuti. Trattasi di recidivo poichè solo un anno fa era stato arrestato per un reato analogo ai danni di un’altra sventurata vittima. Al momento l’uomo si trova in carcere in attesa di giudizio.

Su di lui pendono accuse per maltrattamenti e lesioni personali. Dal momento che si tratta di un recidivo, la pena che gli verrà inflitta sarà più aspra. La convinvente più tirare per ora un respiro di sollievo, il suo aguzzino non può più maltrattarla. Grazie anche al pronto intervento della polizia si sono evitate conseguenze più pesanti per la donna. Purtroppo ormai gli episodi di violenza sulle donne sono aumentati a dismisura negli ultimi tempi e contrastarli non è così semplice perchè spesso sono le donne stesse vittime delle violenze a coprire i loro aguzzini. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Ennesimo caso di violenza sulle donne. Ormai purtroppo non ci si fa più caso perchè è diventato quasi normale leggere di questi episodi. Non ci sono parole per descrivere il disprezzo verso questi soggetti che non conoscono neanche lontanamente cosa significano le parole "amore" e "rispetto". Pene più severe e soprattutto certe.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!