Iscriviti

Caserta, donna 75enne ridotta in stato semi-vegetativo: arrestato compagno 37enne

La Polizia ha arrestato un 41enne del Casertano, accusato di lesioni gravissime nei confronti dell'ex compagna, all'epoca dei fatti, nel 2017, 75enne. La donna, picchiata selvaggiamente, è finita in stato vegetativo senza più riprendersi.

Cronaca
Pubblicato il 21 settembre 2021, alle ore 17:13

Mi piace
0
0
Caserta, donna 75enne ridotta in stato semi-vegetativo: arrestato compagno 37enne

Una storia agghiacciante quella che sto per raccontarvi, in cui la vittima è un’anziana, all’epoca dei fatti, avvenuti nel 2017, 75enne. La donna è stata picchiata selvaggiamente dall’ex compagno 37enne, al punto da ridurla in stato semi-vegetativo, dal quale non si è mai ripresa.

Nell’accompagnarla in ospedale, l’uomo aveva inventato la storia di una violenta rapina ma, a distanza di 4 anni dall’aggressione, le indagini hanno ricostruito il pestaggio.

La ricostruzione dei fatti

Gli inquirenti hanno appurato che la donna era stata massacrata dal compagno che, proprio oggi, a 41 anni, è stato arrestato dalla Polizia di Stato in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della procura, sezione Fasce Deboli. A macchiarsi di queste atroci sofferenze inflitte alla donna è stato Attilio Iodice, originario del Casertano, accusato di lesioni gravissime e la Procura gli contesta il tentato omicidio.

A luglio 2017, Iodice aveca accompagnato l’allora compagna 75enne in un ospedale umbro perchè era stata colta da convulsioni mentre era in viaggio verso Varese, di ritorno da un soggiorno in Campania. L’uomo, arrivato nel nosocomio, aveva raccontato ai medici una versione di comodo, parlando di una rapina, avvenuta alcuni giorni prima, nella quale la sua anziana compagna sarebbe stata picchiata dai criminali, procurandosi lividi sul volto.

L’intervento dei medici è stato tempestivo ma questo non è bastato a far cadere la donna in uno stato stato semi-vegetativo dal quale non si è più ripresa per via delle lesioni interne estremamente gravi riportate e senza aver mai potuto descrivere quanto realmente le è stato inflitto dalla furia del suo giovane compagno. La versione di Iodice è stata smentita, anzi, secondo gli investigatori, sarebbe stato proprio lui a picchiare la donna, fose dopo una lite. Le indagini, condotte insieme alle Squadre Mobili di Caserta e Varese, hanno finalmente permesso di far luce sulla vicenda.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una storia dell'orrore questa, in cui la vittima è un'anziana indifesa, finita nella mani di un "compagno" spietato, crudele, che l'ha picchiata fino a ridurla in stato semi-vegetativo e che, a detta della Procura, ha tentato di ucciderla. Spero che per quest'uomo scatti il carcere a vita per quanto ha commesso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!