Iscriviti

Caltanisetta, studentessa di 17 anni accoltellata dall’amica: è gravissima

Una studentessa di 17 anni è stata accoltellata per strada dalla sua amica proprio davanti agli occhi della madre. La ragazza è ricoverata in gravissime condizioni all'ospedale "Vittorio Emanuele": ha una profonda ferita all'addome e dovrà subire un'operazione.

Cronaca
Pubblicato il 4 dicembre 2018, alle ore 16:45

Mi piace
8
4
Caltanisetta, studentessa di 17 anni accoltellata dall’amica: è gravissima

A Gela, in provincia di Caltanissetta, una ragazza di soli 17 anni è ricoverata in ospedale per una ferita da accoltellamento all’addome, inflittale dalla sua amica. Poco dopo le 13:00 di oggi, le tue ragazze avevano avuto un litigio, probabilmente per via di un battesimo, poco distante dalla Chiesa Madre.

Dalla prima ricostruzione dei carabinieri, pare che una delle due ragazze abbia improvvisamente estratto un’arma da taglio dalla borsa, e che con essa abbia inflitto una profonda ferita all’addome dell’amica. La vittima si trovava anche essa nella piazza vicino alla chiesa, insieme alla propria madre.

La diciassettenne è stata subito soccorsa dai medici del 118 e trasportata in ambulanza all’ospedale “Vittorio Emanuele”. Le sue condizioni sono gravi: i medici non si sentono di escludere un’eventuale operazione all’addome a causa di una profonda ferita che le è stata inflitta proprio all’addome.

Le indagini

Attualmente sono in corso le indagini dei carabinieri per capire l’esatto motivo che ha fatto scaturire il litigio e soprattutto si cerca di capire se vi era l’intenzionalità del gesto oppure no. In ogni caso, il litigio è degenerato in un’aggressione che avrà inevitabilmente delle conseguenze mediche per la persona ferita, ma anche legali per la colpevole.

Allo stato attuale, non sono ancora state rilasciate comunicazioni ufficiali sui nomi delle due ragazze, proprio a causa della loro minore età. Non è stato comunicato se l’aggressore sia stata sottoposta agli arresti oppure no. Quello che si sa è che la madre della vittima ha visto l’intera scena, ed è rimasta sconvolta per l’accaduto, oltre che l’ansia e la paura dovute alle condizioni mediche della figlia.

Un ennesimo caso di violenza tra minori che fa scaturire la preoccupazione su come reagiscono i ragazzi davanti ai problemi ed ai litigi: ci si pone la domanda sul perché la gioventù tenda ad utilizzare spesso la violenza e l’aggressività.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - È scandaloso che un adulto utilizzi la violenza in seguito ad un diverbio. Ma è ancora più sconvolgente il fatto che una diciassettenne e quindi una ragazzina abbia già imparato questo modo di fare. Bisogna insegnare bambini fin da piccoli che la violenza non serve e non porta a nulla. Bisogna insegnare che abbiamo il dono della parola, e bisogna usare quella e non le mani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!