Iscriviti

Cadono da un cestello, morti due operai a Taranto

Il cestello elevatore ha ceduto e sono precipitati da 10 metri, morti sul colpo i sue operai di Taranto che si trovano su cestello. i due operai sono precipitati nel vuoto da un’altezza di circa 15 m.

Cronaca
Pubblicato il 13 novembre 2018, alle ore 16:02

Mi piace
6
0
Cadono da un cestello, morti due operai a Taranto

Un’altra brutta notizia di morti sul lavoro. Un nuovo incidente è avvenuto questa mattina a Taranto, dove sono morti due operai a seguito della caduta dal cestello di un elevatore il cui braccio meccanico si è improvvisamente rotto.

Le vittime sono Giovanni Palmisano, amministratore della ditta Gioedil di Locorotondo, e Angelo D’Aversa, 64 anni.

L’incidente 

L’incidente è avvenuto verso le 8 in via Galeso, al quartiere Tamburi, nel cantiere che si stava occupando della ristrutturazione della facciata di una palazzina di tre piani. I due operai non indossavano i caschi di protezione né erano imbracati.

E’ subito l’ allarme dei sindacati, infatti, dall’inizio dell’anno ad oggi i morti sul lavoro sono circa 630, il 20% dei quali nei cantieri. I sindacati, infatti, continuiamo a ripetere che serve una cultura della sicurezza che vada oltre la repressione, ma che abbracci sia la formazione che l’informazione. 

Morti sul lavoro

Nei primi sei mesi dell’anno sono 469 le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail. Ad essere più colpiti sono i lavortori over 50. Una morte su due coinvolge questa fascia di età, con un incremento rispetto al 2017 di 31 casi (da 203 a 234). A livello regionale spiccano i 16 casi in più del Veneto (da 43 a 59) e i 12 in più della Calabria (da 5 a 17).

Cali significativi si registrano, invece, in Abruzzo (da 28 a 7). Se poi guardiamo alla età anagrafica, gli infortuni aumentano tra gli under 30 e gli over 60 a dimostrare che poco si investe in prevenzione e sicurezza per i giovani e si costringe ormai la forza lavoro anziana a prestazioni gravose determinando aumento dei rischi per la salute e la sicurezza (questi dati sono la risposta migliore agli assertori dell’innalzamento dell’età pensionabile).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Perna

Caterina Perna - Il tema della sicurezza sul lavoro è davvero molto importante (ogni anno aumentano sempre più le morsi sul lavoro). Dovrebbe essere possibile premiare le imprese che investono in sicurezza e dare un segnale a chi non rispetta le norme. Una risposta alla sicurezza potrebbe essere quella di premiare le aziende virtuose e potenziare i controlli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!