Iscriviti

Brescia, uccisa dal padre perchè occidentale. Il fratello toglie la foto sulla lapide: "troppo scoperta"

Dodici anni fa avveniva l'assassinio di Hina, uccisa dal padre perchè si comportava alla occidentale. Ora il fratello toglie la sua foto dalla lapida perchè "troppo scoperta ed irrispettosa".

Cronaca
Pubblicato il 19 novembre 2018, alle ore 10:31

Mi piace
1
0
Brescia, uccisa dal padre perchè occidentale. Il fratello toglie la foto sulla lapide: "troppo scoperta"

La storia di Hina Saleem è stata una delle più discusse e citate in Italia. Nel 2006 è stata uccisa a coltellate dal padre e, successivamente, sepolta con l’aiuto di alcuni parenti nel giardino di casa. La colpa di questa ragazza, che abitava nel bresciano, era la sua voglia di assomigliare alle coetanee italiane, e di non seguire la religione islamica che il padre e l’intera famiglia praticavano.

Anche nel sepellirla nel giardino, il padre si è preoccupato di porgere il volto di Hina verso La Mecca ma, nonostante ora la sua sepoltura sia cambiata, il destino riservatole sembra essere lo stesso. Il fratello di Hina ha tolto la foto della ragazza che un anonimo ha voluto inserire sulla lapida priva di scritte che era stata posizionata sulla sua tomba. Secondo il ragazzo, infatti, si trattava di un’immagine poco decorosa e con la pelle troppo in vista.

Il benefattore anonimo e la spiegazione del fratello

Nella religione islamica non vengono concessi i ritratti dei morti sulle lapidi, ed il fratello Suleman spiega che la loro situazione economica non è tale da potersi permettere neanche le incisioni sulla pietra. Così la lapide di Hina è rimasta spoglia fino a questo momento. Un benefattore anonimo ha deciso di rendere omaggio alla ragazza inserendo una sua foto e scrivendo poche parole sulla lapide: “la tua famiglia“.

Non appena Suleman ha notato la foto della sorella, l’ha tolta poichè indecorosa. Il ragazzo ci tiene a ringraziare il benefattore anonimo, e a spiegare il suo gesto per non essere interpretato male. Suleman, infatti, fa il paragone di quanto accaduto con la fede cristiana: così come chi pratica la religione cristiana non può entrare in Chiesa scoperto, così per l’Islam non è decoroso mostrarsi con troppa pelle nuda.

Nonostante nella religione praticata dalla famiglia non è concesso inserire foto dei defunti sulle lapidi, Suleman afferma che la foto che ha tolto verrà sostituita con una più rispettosa verso le regole del loro credo, e che si preoccuperà lui stesso di inserirla.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Ciò che non ci fa aprire la nostra mentalità è lo sbaglio che facciamo nel provare a capire gli altri basandoci sulla nostra vita e sulla nostra persona. Il fratello, seppur ci può sembrare assurda la decisione di togliere la foto, sta seguendo il credo della sua religione. Nonostante l'Islam non conceda foto sulle lapidi, ha promesso che ne sceglierà una personalmente da aggiungere alla tomba della sorella. Questo dimostra molto l'amore del ragazzo.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

19 novembre 2018 - 10:33:13

In pratica metterà un telo nero con due occhi scoperti. Eh, sì: questo è vero amore fraterno...

0
Rispondi