Iscriviti

Abbraccia l’investitore della madre al funerale: “Ti perdono”

Il bellissimo gesto è avvenuto a Prato, dove un uomo a causa di un colpo di sonno ha investito tre persone, uccidendone una. La figlia della vittima ha abbracciato l'uomo dopo il funerale, dicendogli che lo perdonava e che poteva succedere a tutti

Cronaca
Pubblicato il 7 settembre 2014, alle ore 15:14

Mi piace
0
0
Abbraccia l’investitore della madre al funerale: “Ti perdono”

Una donna ha chiamato a sé l’uomo che ha investito accidentalmente la madre, uccidendola sul colpo, al termine del funerale; avvicinatosi al feretro lo ha abbracciato, dicendogli che lo perdonava, e che “poteva succedere a chiunque di noi”.

Il bellissimo gesto è successo sabato 6 settembre a Vaiano, in provincia di Prato, durante il funerale di una donna di ottantasei anni. Mercoledì scorso, poco dopo l’ora di pranzo, un uomo era alla guida di un furgoncino bianco quando un colpo di sonno gli ha fatto perdere il controllo del mezzo. Il furgoncino è quindi sbandato, invadendo la corsia opposta ed andando a colpire in pieno tre persone a piedi che stavano parlando vicino alla strada. La vittima, l’ottantaseienne Elia Bartolini, è morta sul colpo, nonostante l’intervento dei mezzi di soccorso che hanno tentato a lungo di rianimarla. Gli altri due investiti sono invece stati immediatamente ricoverati in ospedale, entrambi in gravi condizioni, tanto che per uno di loro si è reso necessario l’elicottero Pegaso del 118.

E’ proprio il figlio della vittima, il sessantenne Luigi Casati, che è stato trasportato dall’elisoccorso all’Ospedale Careggi a Firenze, dove si trova ancora in prognosi riservata, anche se pare che le sue condizioni siano in via di miglioramento. L’uomo e la madre, che abitano a pochissimi metri dal luogo dell’incidente, erano appena usciti di casa, pare per dirigersi verso l’orto che tenevano al di là della strada.

L’altro uomo investito è Besnik Muka, trentasettenne di origine albanese, un amico dei due che si era fermato ed era sceso dalla sua auto per fare due chiacchiere con loro. Ricoverato all’Ospedale ” Santo Stefano” di Prato, pare che anche le sue condizioni siano in miglioramento.

La figlia della vittima, Loredana Casati, che è stata tra le prime persone a soccorrere gli investiti ed il cui fratello è ancora ricoverato in ospedale, ha commosso tutti i presenti con il suo gesto di perdono nel giorno dell’estremo saluto alla madre. Il conducente del pulmino è attualmente indagato per omicidio colposo, mentre gli abitanti del luogo sottolineano di aver più volte segnalato alle autorità competenti la pericolosità del punto in cui è avvenuto l’incidente, in cui le macchine sfrecciano vicino ad un centro abitato senza marciapiedi o protezioni per i pedoni.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!