Iscriviti

Palma d’oro a “Winter Sleep”. Tutti i vincitori di Cannes

Concluso il festival di Cannes: la Palma d'Oro è andata al film turco "Winter Sleep", secondo posto all'italiano "Le Meraviglie". Premi per i migliori attori a Timothy Spall e Julianne Moore

Cinema
Pubblicato il 25 maggio 2014, alle ore 22:43

Mi piace
0
0
Palma d’oro a “Winter Sleep”. Tutti i vincitori di Cannes

Con la cerimonia di premiazione finale di domenica 25 Maggio, si è concluso il Festival di Cannes 2014. Ad aggiudicarsi la Palma d’Oro, l’ambito premio principale della manifestazione, è stato il film turco “Winter Sleep” di Nuri Bilge Ceylan. Si tratta del secondo regista turco a vincere il premio dopo “Yol”, di Yilmaz Guney e Serif Goren, che vinse nel 1982. Si tratta del film più lungo tra quelli presentati al festival quest’anno, con una durata di oltre tre ore.

Il Grand Prix, il secondo posto al festival, è andato all’Italia con il film “Le Meraviglie” della regista Alice Rohrwacher, un film drammatico semi-biografico su una famiglia di apicoltori che ha problemi a preservare il proprio modo di vivere nell’Italia centrale. A premiarla è stata Sophia Loren.

Monica Bellucciha presentato il premio per il miglior attore a Timothy Spall per “Mr. Turner”. Diciotto anni fa, l’attore non era presente alla premiazione con la palma d’oro del suo film “Segreti e bugie” perché stava avendo un trattamento di chemioterapia per una leucemia, quindi l’emozione di essere finalmente sul palco come vincitore è stata di sicuro grandissima. Il premio per la miglior attrice, presentato da Daniel Auteuil, è andato a Julianne Moore per “Maps to the Stars” di David Cronenberg. Paz Vega ha presentato il premio per la miglior sceneggiatura, assegnato al film “Leviathan”, ritratto di una Russia devastata. Adrien Brody ha invece premiato Bennett Miller per la miglior regia di “Foxcatcher”.

La grande sorpresa della serata è stato il pareggio per il premio della giuria, che ha visto insieme il competitore più giovane, il regista canadese venticinquenne Xavier Dolan con “Mommy”, ed il più vecchio, il mito francese ottantatreenne Jean-Luc Godard con “Goodbye to Language”. Nonostante la giovanissima età, Dolan ha già girato ben cinque film tutti accettati e presentati a Cannes, e tutti accolti con un grande successo di critica, quindi in molti si aspettavano la Palma D’Oro per lui quest’anno.

La Camera d’Or per la miglior opera prima è stato assegnato a “Party Girl”, un progetto diretto da tre debuttanti francesi, Marie Amachoukeli, Claire Burger e Samuel Theis, mentre la Palma per il miglior corto è andata a “Leidi”, di Simon Mesa Soto.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!