Iscriviti

Festival di Cannes 2018: nessun premio per l’Italia nella sezione "Un certain regard"

Purtroppo, nella sezione "Un certain regard", l'Italia, con il film Euforia di Valeria Golino, non riesce ad aggiudicarsi il premio che va a "Grans" del regista Ali Abbasi.

Cinema
Pubblicato il 19 maggio 2018, alle ore 11:36

Mi piace
8
0
Festival di Cannes 2018: nessun premio per l’Italia nella sezione "Un certain regard"

Il Festival di Cannes 2018 non regala nessuna gioia all’Italia nella sezione “Un certain regard” dove il film di Valeria Golino, Euforia, viene completamente snobbato, senza essere preso minimamente in considerazione. Il vincitore della sezione “Un certain regard” è il film del regista Ali Abbasi, ovvero Grans. Si tratta di una pellicola di genere horror che racconta di trolls affamati di vermi. Con questa pellicola, il regista ha voluto raccontare, attraverso una allegoria, il rapporto che ognuno di noi ha con il diverso e come lo trattiamo.

La giuria della sezione era presieduta da Benicio del Toro. Grande delusione per l’Italia, soprattutto per il film di Valeria Golino, Euforia, con protagonisti Ruccardo Scamarcio e Valerio Mastrandrea che non è stato nemmeno considerato e non è stato inserito nel palmares della sezione. Un vero peccato per la pellicola che era stata accolta molto bene dalla critica.

Oltre a Del Toro, il presidente della giuria, gli altri giurati erano: Annemarie Jaciri, scrittrice e regista della Palestina; Kantemir Balagov, russo; Virginie Ledoyen, attrice francese. Oltre al film della Golino, gli altri film in concorso nella sezione Un certain regard erano: “Gueule d’Ange” di Vanessa Filho, “Sextape” di Antoine Desrosieres, “Rafiki” di Wanuri Kahiu e “Long Day’s Journey Into Night” di Bi Gan.

Gli altri premi per la sezione Un certain regard sono andati a: Un Certain Regard Border – Ali Abbasi (Svezia/Danimarca); Premio alla sceneggiatura Sofia – Meryem Benm’Barek (Francia/Belgio/Qatar); Premio della Giuria per l’interpretazione Victor Polster – Girl (Belgio/Paesi Bassi); Premio alla regia Donbass – Sergei Loznitsa (Germania/Francia/Ucraina/Paesi Bassi/Romania); Premio della Giuria – The Dead and The Others – João Salaviza, Renée Nader Messora (Brasile/Portogallo).

La giuria si è detta davvero entusiasta per questi film e ha dovuto fare una cernita tra le molte pellicole in gara scegliendone solo 5 e tra questi  il vincitore. “In questi 10 giorni siamo rimasti impressionati per la grande qualità di questi film e abbiamo scelto i 5 che particolarmente ci avevano emozionato”. Stasera ci sarà il gran finale e scopriremo chi si aggiudica la Palma d’Oro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - E' davvero un peccato che l'Italia non sia stata nemmeno considerata per la sezione Un certain regard per aggiudicarsi il premio. Non so di cosa parli esattamente il film vincitore, ma la tematica attuale del diverso piace e forse è stato proprio questo il motivo per cui ha trionfato. Speriamo che nella giornata finale l'Italia possa regalare qualche gioia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!