Iscriviti

Festival Cannes 2018: Cold War potrebbe aggiudicarsi la Palma d’Oro?

Il Festival di Cannes presenta una pellicola che, per la storia, la musica, la capacità del regista, ha tutte le carte in regola per aggiudicarsi la Palma d'Oro.

Cinema
Pubblicato il 12 maggio 2018, alle ore 19:01

Mi piace
6
0
Festival Cannes 2018: Cold War potrebbe aggiudicarsi la Palma d’Oro?

Siamo appena al terzo giorno del Festival di Cannes 2018 e già si parla di Palma d’Oro. Il film in questione è Cold War del regista polacco Pawel Pawlikowksi che, secondo il parere degli addetti ai lavori, potrebbe aggiudicarsi l’ambito premio.

Cold war (Guerra fredda) è una pellicola che parla di una grande storia d’amore durante il periodo della Guerra Fredda e il regista Pawel Pawlikowkis, dopo l’Oscar per Ida, potrebbe aggiudicarsi anche questo premio, sebbene sia un po’ presto per fare dei pronostici in merito, ma le premesse sono davvero ottime.

La pellicola si ispira alla storia dei genitori del regista, anche se “non è il loro ritratto, semplicemente ho descritto i meccanismi del loro stare insieme e mantenuto il loro nome”. E’ una storia d’amore folle e molto appassionata tra Zula e Viktor lungo un percorso di 15 anni, dal loro primo incontro nel 1949 sino al 1964.

I due sono grandi artisti: Zula balla e canta, mentre Viktor è un musicista e filologo della tradizione nazionale. I due si amano davvero tanto, vivono un amore appassionato, ma il loro amore è ostacolato da impedimenti esterni che non gli permettono di vivere nel modo giusto questo sentimento. 

Si tratta di un musical in bianco e nero che racconta una storia d’amore in cui la colonna sonora è contraddistinta da canzoni polacche, dal jazz del compositore Gershwin, la musica pop degli anni Sessanta e non manca un omaggio alla musica italiana con 24.000 baci di Celentano.

A proposito di questa pellicola, il regista dice: “Un film sul paradosso della vita, i protagonisti portano il nome dei miei genitori che per tutta la loro vita si sono amati, lasciati, traditi come loro”. Inoltre, racconta che da tanto tempo aveva in mente di raccontare questa storia, soltanto grazie al successo di Ida è riuscito a metterla in pratica e trasformarla in realtà.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Non conosco questo regista e non ho visto il film Ida, ma questo nuova pellicola che presenta a Cannes mi ispira molto. Mi piace l'idea del musical e raccontare una storia d'amore durante il periodo della Guerra Fredda deve essere molto interessante e di grande impatto. Credo sia una storia che potrà regalarmi grandi emozioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!