Iscriviti

E’ morto Ermanno Olmi: addio a uno dei migliori registi del nostro cinema

Il regista 86enne Ermanno Olmi, celebre per averci regalato un capolavoro come L'albero degli zoccoli, è morto questa mattina all'ospedale di Asiago, in seguito ad alcuni problemi di salute che lo affliggevano da tempo.

Cinema
Pubblicato il 7 maggio 2018, alle ore 12:15

Mi piace
12
0
E’ morto Ermanno Olmi: addio a uno dei migliori registi del nostro cinema

Ermanno Olmi, regista visionario e imprevedibile del cinema italiano, è morto ad Asiago, in provincia di Vicenza, presso l’ospedale in cui era ricoverato da un po’ di tempo. In un mondo cinematografico omogeneo come quello di oggi, lui è stato spesso etichettato come il cantore della gente comune, delle piccole cose e proprio per questo era un regista imprevedibile, unico nel suo genere. 

Il cinema proposto dal regista 86enne si distingueva per una serie di colori diversi e per una serie di generi che spaziavano dal racconto alla fiaba sino all’allegoria. Un regista che ha saputo farsi volere bene e ha conquistato tutti.

La carriera di Ermanno Olmi

Il suo percorso artistico con la macchina da presa comincia girando diversi documentari, di cui si contano tantissimi titoli: da La diga sul ghiacciaio a Tre fili fino a Milano, sino ad altri.  Sono documentari che riguardano il mondo e l’attività della società elettrica con le persone e i primi operai che vi lavorano. 

Gli anni 50 sono gli anni dei corti e dei lungometraggi. Il primo lungometraggio si intitola Il tempo si è fermato presentato anche alla Mostra del Cinema di Venezia. Sempre al festival di Venezia, presenta un altro lungometraggio Il posto in cui si racconta del primo impiego da parte di due giovani negli anni del boom economico a Milano.

Il capolavoro de L’albero degli zoccoli

Il 1965 è l’anno del documentario sulla biografia di Papa Giovanni XIII dal titolo E venne un uomo, in cui il regista esprime tutto il suo credo religioso, anche se si focalizza sulla figura umana del Pontefice. Il suo capolavoro rimane L’albero degli zoccoli che ottiene il Premio di Palma d’Oro a Cannes e che lo include nei grandi del cinema italiano. L’albero degli zoccoli è una fiaba in salsa contadina in cui i protagonisti sono attori non professionisti e che recitano in dialetto bergamasco.

Oltre ad essere regista, ha scritto anche alcuni libri, tra cui: Ragazzo della Bovisa, L’Apocalisse è un lieto fine. Storia della mia vita e del nostro futuro, edito da Rizzoli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Ermanno Olmi è stato sicuramente uno dei migliori registi di sempre e ci mancherà il suo guardare alla vita in modo genuino e puro, con amore, speranza e anche quel pizzico di nostalgia che non guasta. Grazie per i tuoi capolavori e che il viaggio ti sia lieve. Ti ricorderemo con affetto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!