Iscriviti

Volantino sessista in curva, bufera sui tifosi della Lazio

Durante la gara con il Napoli sono apparsi volantini che invitavano le donne a lasciare libere le prime dieci file della Curva Nord. La società si dissocia, indaga la Digos

Calcio
Pubblicato il 20 agosto 2018, alle ore 21:18

Mi piace
17
0
Volantino sessista in curva, bufera sui tifosi della Lazio

La Curva Nord della Lazio non è un posto per le donne. Questo è il sunto dei volantini, a chiaro sfondo sessista, apparsi prima della gara tra i biancocelesti e il Napoli, vinta dai partenopei in rimonta per 2-1. Il volantino, firmato da “Il direttivo Diabolik Pluto”, è stato distribuito sugli spalti dell’Olimpico scatenando diverse proteste, soprattutto dal mondo femminile.

“La Nord per noi rappresenta un luogo sacro. Un ambiente con un codice non scritto da rispettare”, queste le prime parole di questo documento che precisa come le prime file della Curva Nord, vengono vissute dagli ultras come se si fosse in una trincea.

Chiarito questo aspetto, il volantino prosegue invitando le donne a posizionarsi oltre la decima fila, poiché “mogli e fidanzate” non sarebbero ammesse nella prima linea del tifo organizzato. Il volantino chiarisce anche che, chi viene allo stadio per un momento di divertimento e relax in alternativa ad una spensierata e romantica giornata a Villa Borghese, dovrebbe andare in altri settori.

Sul contenuto del comunicato del gruppo ultras ha preso subito le distanze la Lazio, che fa sapere, per bocca del suo portavoce Arturo Diaconale, che la società ripudia qualsiasi forma di discriminazione e attribuisce la responsabilità esclusivamente al gruppo di tifosi firmatari del documento. Sul caso sta indagando la Digos visionando i filmati delle telecamere a circuito chiuso dello stadio. Si ipotizza il reato di discriminazione per le prime persone già identificate.

Fioccano in rete i commenti contro questo atto di sessismo che riporterebbe lo stadio Olimpico ai tempi del medioevo. Sul tema è intervenuta anche Suor Paola, la storica tifosa laziale già vista come inviata di Quelli che il calcio, che annuncia la sua presenza in Curva nella prossima gara casalinga della Lazio. Parole dure anche da parte di Carolina Morace, ex centravanti della nazionale femminile e attualmente tecnico del Milan, che chiede il Daspo per i responsabili di questo volantino, poiché “anche il sessismo è una forma di violenza”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Ogni tanto una parte dei tifosi della Lazio fa parlare di se. Ricorderete il caso delle immagini di Anna Frank con la maglia della Roma? Sabato sera hanno pensato bene di stabilire delle regole per l’utilizzo degli spazi in Curva escludendo le donne dalle prime file. Speriamo si tratti di un fuoco di paglia e che già dalla prossima gara possiamo vedere una Curva più rosa che biancoceleste

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!