Iscriviti
Napoli

Napoli: il club è moroso nei confronti del comune

La società di De Laurentiis è morosa nei confronti del comune di Napoli per quanto riguarda la questione stadio. A parlare è l'assessore Borriello: "Al San Paolo gioca solo il Napoli ma le modalità del rapporto sono chiare a tutti e devono essere rispettate".

Calcio
Pubblicato il 28 agosto 2018, alle ore 11:15

Mi piace
3
0
Napoli: il club è moroso nei confronti del comune

Non si arresta l’aspra polemica tra il club partenopeo e il comune di Napoli. Dopo le dichiarazioni di De Laurentiis, i rapporti con l’amministrazione guidata da De Magistris si sono incrinati del tutto e il tavolo delle trattative non è andato come si sperava con l’abbandono prematuro del patron azzurro durante la negoziazione.

Tra il Napoli e il comune la convenzione è scaduta nella stagione 2015/2016 e da quel momento il Napoli ha continuato ad usufruire dell’impianto di Fuorigrotta sia per la stagione 2016/2017 e 2017/2018. Con questa modalità, il club dovrebbe versare al comune circa 20.000,00 euro e il 10% dell’incasso di ogni partita disputata al San Paolo. 

Intervistato sulla trattativa tra comune e il club azzurro, l’assessore Ciro Borriello ha spiegato quanto successo: “Non ci interessa più approfondire tematiche che vadano al di là del rapporto formale tra un club di calcio e il Comune di Napoli. Non ci sono più margini di trattative, non per colpa nostra ma per l’abbandono del tavolo da parte di De Laurentiis”.

Ad aggravare la situazione è l’azione che potrebbero indire gli uffici comunali del capoluogo campano. Questi ultimi, infatti, potrebbero intraprendere azioni giudiziare nei confronti dell’SSC Napoli che stando ai fatti risulterebbe moroso da circa due anni. Il comune ha quasi l’obbligo di agire in questo senso per cautelarsi agli occhi della Corte dei Conti che potrebbe chiedere le motivazioni per i mancati introiti. 

Dal canto suo, De Laurentiis che qualche settimana fa ha abbandonato anzitempo il tavolo delle trattative, richiede il rimborso dei soldi spesi nel 2015 dalla sua società per installare i tornelli all’interno dello stadio di Fuorigrotta. Un braccio di ferro che va avanti da oltre due anni, e dopo gli ultimi avvenimenti la tensione tra De Laurentiis e l’amministrazione guidata da De Magistris sembra proprio non voler volgere al termine.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ciro D'agostino

Ciro D'agostino - Una situazione davvero incresciosa sia per il Napoli sia per il Comune. De Laurentiis non può permettersi di non pagare per l'utilizzo dello stadio, cifre che pagano anche le società di calcio dilettantistico per impianti davvero fatiscenti. Inoltre, mandare all'aria il tavolo delle trattative significa non voler aprire a nessuna soluzione pacifica.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!