Iscriviti

Mondiale 2018: Argentina-Islanda finisce 1-1, che disastro Messi!

Termina con un inaspettato 1-1 la prima partita dell'Albiceleste; gol del 'Kun' Aguero, al quale risponde Finnbogason. La stella del Barcelona sbaglia il rigore che avrebbe potuto regalare la vittoria alla sua Nazionale.

Calcio
Pubblicato il 16 giugno 2018, alle ore 19:29

Mi piace
2
0
Mondiale 2018: Argentina-Islanda finisce 1-1, che disastro Messi!

Allo Spartak Stadium va in onda la prima partita del Girone D, considerato come uno tra i più difficili dell’intero Mondiale.
La prima partita del Girone D è Argentina-Islanda, partita apparentemente facile per i sudamericani, ma che ha riservato parecchie sorprese per la squadra allenata da Jorge Sampaoli che si è fermata sull’1-1.

Le prime soprese si vedono sin dalla formazione iniziale, Sampaoli schiera un 4-2-3-1, in porta Caballero, il portiere del Chelsea è stato preferito ad Armani del River Plate, a destra Salvio, a sinistra Tagliafico, al centro invece vi sono Otamendi e Rojo, preferito al romanista Fazio; centrocampo affidato a Mascherano e Biglia, uscito al 54′ per Banega; a destra Meza, uscito all’84’ per il bianconero Higuain, a sinistra Di Maria, uscito al 75′ per Pavon, e al centro Lionel Messi;  unica punta Sergio Aguero.

L’Islanda mette in campo una formazione che rispecchia la propria filosofia di gioco, un 4-4-1-1, la tattica è aspettare l’Argentina e uscire in contropiede, proprio così hanno trovato il gol del pareggio, in porta Hallgrimsson schiera Halldorsson, a destra Saevarsson, a sinistra Magnusson, al centro Ragnar SigurdssonArnason; a centrocampo come esterno destro Hallgrimsson mette Gudmundsson, uscito al 64′ per Gislason, a sinistra Bjarnason, in mezzo HallfredssonGunnarsson, uscito al 75′ per Skulason, poi Gylfi Sigurdsson, dietro a Finnbogason (uscito all’88’ per Sigurdarson) come unica punta.

Dopo la tripletta di Cristiano Ronaldo di ieri contro la Spagna tutta l’attenzione è su Lionel Messi, che sarà chiamato a fare una prestazione eccellente per poter rispondere al campione portoghese, forse proprio tutta questa pressione sul numero 10 potrebbe averlo portato a sbagliare clamorosamente il proprio esordio al Mondiale.

Parte molto forte l’Argentina, gia all’8′ c’è il primo pericolo per l’Islanda, su un calcio di punizione Messi la crossa per Tagliafico, che però non aggancia bene e la palla finisce di poco fuori, ma poi l’Argentina rischia parecchio, il portiere Caballero su un rinvio serve Bjarnason che però la manda fuori sul secondo palo. L’Argentina nonostante tutto spinge, mentre l’Islanda cerca di rintanarsi per poter partire in contropiede, al 17′ Messi tira dal limite, ma Halldorsson respinge con i pugni, appena 2 minuti dopo, al 19′ Sergio Aguero raccoglie un pallone calciato da Rojo, aggancia e tira forte all’incrocio dei pali, è 1-0 per l’Argentina.

Passano appena 4 minuti, al 23′, l’Islanda parte in contropiede e si piomba in area di rigore, dopo una mischia Caballero respinge male, Finnbogason è il più veloce di tutti a raggiungere il pallone e porta il risultato sull’1-1. L’Argentina continua a spingere e al 41′ reclama un presunto fallo di mano di Magnusson, in scivolata, dopo il silent check del VAR vi è la conferma che non è rigore. Si va al riposo sul risultato di 1-1.

All’inizio del secondo tempo vengono confermati i 22 del primo tempo, l’Argentina continua ad attaccare incessantemente e al 48′ Otamendi colpisce di testa, ma la manda alta; l’Islanda prova ad uscire dalla propria metà campo, si porta nell’area dell’Albiceleste e reclama un fallo di mano di Salvio, ma per il VAR non è rigore. Al 55′ inizia la vera partita di Messi, ma il suo dribbling viene fermato dal muro islandese, stessa sorte per il tiro di Aguero pochi secondi dopo. La partita si infiamma al 62′, Messi crossa per Meza che viene atterrato in area di rigore dal difensore Magnusson, dal dischetto si presenta, ovviamente, Messi che però spreca l’opportunità, il rigore è troppo debole e mal piazzato, è facile per Halldorsson pararlo. Il rigore sbagliato è un duro colpo per Messi e compagni, ma continuano lo stesso ad attaccare il gol del vantaggio, all’80’ è proprio Messi a rendersi pericoloso, il suo tiro sfiora il palo e termina fuori. Si arriva alla fine della partita, che termina 1-1.

Buona la prima per l’Islanda e ancora di più per il proprio portiere Halldorsson, mentre per l’Argentina e per Messi è senza dubbio una partita da dimenticare. Questa sera alle 20.00 si giocherà la seconda partita del Girone D, che determinerà la classifica definitiva per questa prima giornata, Croazia-Nigeria.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giuseppe Pio Madeo

Giuseppe Pio Madeo - Una partita dal risultato inaspettato, l'Argentina non è riuscita a vincere contro una squadra, almeno sulla carta, più debole come l'Islanda. Un Messi completamente diverso da quello visto con il Barcelona. Oltre al rigore sbagliato di Messi la colpa va senza dubbio a Jorge Sampaoli, che non ha saputo dare un vero gioco all'Argentina e viene confermato quello visto nelle gare di qualificazione, cioè che l'Argentina non ha, almeno per ora, la possibilità di competere con le migliori Nazionali al mondo. La colpa per Sampaoli è tanta, anche più di Messi, il fatto di non aver fatto entrare un giocatore come Dybala, quando tutti i giocatori dell'Islanda erano stremati, la dice lunga. Secondo me l'Argentina non avrà grosse possibilità di riuscire a vincere qualcosa di importante finché ci sarà Sampaoli in panchina, anche se, per tutti i giocatori e tifosi argentini, e per Messi in particolare, spero di sbagliarmi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!