Iscriviti

NBA, verso la stagione 2018-2019. Boston Celtics: caccia alla conference e al titolo

I Boston Celtics sono i primi favoriti della Eastern Conference per appropriarsi il titolo di finalista NBA, assieme ai Philadelphia 76ers ed ai Toronto Raptors. Con molte certezze in più dei loro avversari diretti.

Basket
Pubblicato il 8 agosto 2018, alle ore 13:32

Mi piace
12
0
NBA, verso la stagione 2018-2019. Boston Celtics: caccia alla conference e al titolo

I Boston Celtics avranno ai nastri di partenza della stagione 2018-2019 della NBA i favori del pronostico per il titolo della Eastern Conference: ad insidiare il primato dei verdi del Massachusetts ci saranno infatti, probabilmente, i Philadelphia 76ers ed i Toronto Raptors ma, rispetto ai loro avversari, i Celtics partiranno con qualche vantaggio in più.

Innanzitutto la rosa a disposizione di coach Brad Stevens sarà più o meno quella dello scorso anno: pochissimi i cambiamenti e non si prospettano per ora trade e scambi nei prossimi mesi, contando quindi su un blocco molto giovane che può confermarsi e addirittura crescere ancora di più dello scorso anno.

Jaylen Brown, Jayson Tatum e Terry Rozier saranno sempre pronti, da titolari o dalla panchina, a dare punti, rimbalzi ed assist alla squadra in verde, con altri giocatori freschi e scalpitanti che possono aumentare la qualità della rosa, come Jabari Bird, Semi Ojeleye, Daniel Theis e Guerschon Yabusele, a cui, grazie al draft, si è aggiunta la scelta n.27, il centro Robert Williams.

Titolari ed esperti sono un punto fisso, che ovviamente vedono Kyrie Irving, Marcus Morris e Al Horford poter fare la differenza in posto 1, 4 e 5, con il vero nuovo acquisto, quel Gordon Hayward, guardia di indubbio valore e talento, che l’anno scorso si ruppe il piede alla prima gara di campionato dopo pochi minuti. Quest’anno Hayward può segnare una nettissima differenza tra i Celtics e le altre squadre.

Unica aggiunta di mercato è Brad Wanamaker, riserva per completare la rosa; unica pecca è la cessione di Shane Larkin, che l’anno scorso ha dato un buon contributo dalla panchina, ora in Tuchia. L’altra cessione è quella di Abdel Nader, mentre tra i free agent (liberi da contratto) dello scorso anno c’è solo Jonathan Gibson e Greg Monroe: l’ormai esperto centro, reduce da una stagione in tre squadre diverse (Milwaukee, Phoenix e Boston) verrà probabilmente confermato solo se il giovane centro Williams non mostrerà grandi garanzie dalla panchina.

Con questa situazione stabile, piena di certezze e favorevole per coach Stevens, nonché con una rosa piena di classe, i Celtics si preparano a vincere il titolo di conference ed a tentare, con discrete chances, di puntare anche al titolo NBA che manca dal 2008, squadre della Western Conference permettendo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - I Celtics possono ambire al raggiungimento della finale NBA grazie ad una Eastern Conference sempre pericolosa e competitiva, ma che mette di fronte a loro come veri pericoli solo i 76ers ed i Raptors. La stabilità di una rosa giovane e di classe garantisce a loro di superare quella finale di conference che l'anno scorso li ha visti eliminati solamente dai Cavaliers di LeBron James: quest'anno "il Prescelto" gioca ad Ovest e non è detto che con gli attuali Lakers raggiunga la finalissima. Al solito, ci potrebbero essere i Warriors come sfidanti, e lì una possibile sfida tra i blu-giallo della Baia ed i verdi del Massachusetts sarebbe interessantissima da seguire.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!