Iscriviti

NBA, 7 aprile 2018: Oklahoma City conquista il parquet dei Rockets capilista

Gli Oklahoma City Thunder rimontano nel quarto periodo ed ottengono il successo in casa della capolista, gli Houston Rockets. Vittoria fondamentale per andare ai playoff anche quella di San Antonio su Portland

Basket
Pubblicato il 8 aprile 2018, alle ore 23:28

Mi piace
7
0
NBA, 7 aprile 2018: Oklahoma City conquista il parquet dei Rockets capilista

Nella notte della NBA di sabato 7 aprile 2018 si sono giocate sei partite. Gli Oklahoma City Thunder battono in trasferta gli Houston Rockets, capilista della classifica, con il punteggio di 108-102: incontro vibrante e ricco di saliscendi fino all’inizio del quarto periodo, quando i padroni di casa paiono controllare, ma qui ci mettono lo zampino Westbrook e compagni che ribaltano il risultato e trionfano in una sfida che potrà dare loro i playoff. Nei Thunder, Russell Westbrook timbra 24 punti, 10 assist e 7 rimbalzi; nei Rockets, invece, James Harden è autore di 26 punti, 9 assist e 4 rimbalzi.

I San Antonio Spurs sconfiggono i Portland Trail Blazers per 116-105: c’è un primo tempo tutto a favore di Portland, appena inizia la ripresa il risultato si capovolge e piano piano gli Spurs portano a casa il risultato senza faticare più di tanto. Gli speroni texani si avvicinano ai playoff e LaMarcus Aldridge computa 28 punti e 8 rimbalzi, mentre per Portland c’è la firma di un Damian Lillard da 33 punti, 5 assist e 3 rimbalzi.

I New Orleans Pelicans sbancano il campo dei Golden State Warriors per 126-120: per i Pelicans era fondamentale vincere e lo hanno fatto dopo una gara tutta all’attacco e ricchissima di punti per entrambe le formazioni. Nei pellicani Anthony Davis somma 34 punti, 12 rimbalzi e 4 assist, per i guerrieri Kevin Durant comanda con 41 punti, 10 rimbalzi e 5 assist.

I Denver Nuggets dominano sul parquet dei Los Angeles Clippers per 134-115: le speranze di Denver per andare alla postseason passavano da questo scontro, superato con scioltezza, giocando come meglio loro sanno fare, cioè privilegiando un attacco molto deciso a canestro. Per Denver Nikola Jokic ottiene una tripla doppia da 23 punti, 11 rimbalzi e 11 assist, nei Clippers, ormai fuori dalla postseason, Lou Williams marca 24 punti e 5 assist.

I Milwaukee Bucks vincono sul parquet dei New York Knicks per 115-102, dopo la parte centrale della sfida, molto combattuta: nel quarto periodo i Bucks prendono il comando, difendono bene e non si fanno più raggiungere dai padroni di casa. Per Milwaukee Khris Middleton accumula 22 punti, 6 rmbalzi e 4 assist, per quelli alla zuava newyorkesi c’è un Jarrett Jack da 18 punti, 7 assist e 5 rimbalzi.

I Brooklyn Nets si affermano sul parquet dei Chicago Bulls per 124-96 con un vantaggio nettissimo che annichilisce i rossi dell’Illinois e delude fortemente il pubblico di casa. Entrambe le formazioni sono fuori dalla postseason. Per i Nets Quincy Acy raggranella 21 punti e 3 rimbalzi, per i Bulls Sean Kilpatrick si prende 20 punti e 4 rimbalzi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Interessantissimo il finale della Western Conference nelle poche sfide che rimangono, con le squadre che vanno dal quarto posto al nono che si giocano cinque posti: una rimarrà fuori anche se anch'essa avrebbe meritato di giocarsi le sue carte ai playoffs. Nell'ordine ci sono Utah Jazz, New Orleans Pelicans, San Antonio Spurs, Oklahoma City Thunder, Minnesota Timberwolves e Denver Nuggets che dovranno mettere in campo tutte le loro migliori qualità per prevalere ed accedere alla fase finale. Chi rimarrà fuori sarà deluso, per il fatto di aver compiuto una stagione molto positiva senza la gratificazione dell'eliminazione diretta, ma anche questa è la NBA.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!