Iscriviti

NBA, 27 marzo 2018: i Raptors controllano i Nuggets, Golden State affonda ancora

I Toronto Raptors sono sempre protagonisti e conquistano il punto contro gli ottimi Denver Nuggets. Per i Warriors, pieni di infortunati, arriva un'altra sconfitta, stavolta in casa, contro Indiana.

Basket
Pubblicato il 28 marzo 2018, alle ore 18:22

Mi piace
11
0
NBA, 27 marzo 2018: i Raptors controllano i Nuggets, Golden State affonda ancora

Nella notte della NBA di martedì 27 marzo 2018 si sono disputate otto gare. I Toronto Raptors sconfiggono i Denver Nuggets per 114-110: sfida avvincente tra i velociraptor e le pepite, entrambi ottimi in fase offensiva, con il vantaggio passato di mano in mano, a prevalere sono i Raptors con una grande seconda metà del quarto periodo. Nei Raptors Jonas Valanciunas combina 15 punti e 7 rimbalzi, per Denver c’è un Nikola Jokic da 29 punti, 16 rimbalzi e 8 assist.

Gli Indiana Pacers sottomettono in trasferta i Golden State Warriors per 92-81: dopo la metà della partita i Pacers prendono il comando e la sfida viene portata al porto con relativa facilità, considerando le innumerevoli assenze che continuano a falcidiare il roster dei Warriors. Per i Pacers Victor Oladipo acchiappa 24 punti, 6 assist e 6 rimbalzi, per i Warriors Nick Young fa suoi 12 punti e 3 rimbalzi.

I Portland Trail Blazers conquistano il parquet dei New Orleans Pelicans per 107-103: per i Pelicans ci sono ben tre occasioni per chiudere la partita come vittoriosi, con tiri dalla distanza che non vanno a segno e la sirena smorza le speranze di recupero di una buona New Orleans contro una superlativa Portland, che ha tra le sue fila Damian Lillard con 41 punti, 9 rimbalzi e 6 assist, mentre per i Pelicans ci sono i 36 punti e 14 rimbalzi di Anthony Davis.

I Washington Wizards regolano i San Antonio Spurs per 116-106: nel secondo quarto comincia la marcia trionfale dei padroni di casa, il cui vantaggio sale minuto dopo minuto fino all’inizio del quarto periodo, quando per i Wizards basta controllare il risultato fino alla fine, con Markieff Morris da 15 punti, per gli Spurs si notano i 13 punti e 4 rimbalzi di LaMarcus Aldridge.

Gli Houston Rockets comandano la classifica annullando i Chicago Bulls per 118-86: stavolta per Houston non c’è nemmeno bisogno di faticare, gli avversari offrono poco e tutto risulta una formalità, con 40 punti di vantaggio già a metà del terzo periodo. Per Houston, Eric Gordon firma i suoi 31 punti, nei Bulls c’è un Lauri Markkanen da 22 punti e 4 rimbalzi.

I Miami Heat battono per 98-79 dei poco tonici Cleveland Cavaliers, stranamente in difficoltà, stavolta non trascinati dal solito James eccezionale, oggi buono ma non decisivo. Per gli Heat i playoffs sono molto vicini anche per la matematica e Kelly Olynyk marca dalla panchina 19 punti, 5 rimbalzi e 3 assist, nei Cavaliers LeBron James somma 18 punti, 7 assist e 6 rimbalzi.

I Los Angeles Clippers sconfiggono i Milwaukee Bucks per 115-108, con i 19 punti, 5 assist e 3 rimbalzi di Tobias Harris per i Clippers, nei Bucks Giannis Antetokounmpo intabella 26 punti, 9 rimbalzi e 7 assist. I Dallas Mavericks sconfiggono in trasferta i Sacramento Kings per 103-97: per i Mavs Harrison Barnes prende 20 punti, 6 assist e 5 rimbalzi, per Sacramento Skal Labissiere fa un totale di 19 punti, 8 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - I Raptors hanno la meglio in una gara complicata e delicata contro i Denver Nuggets: la dimostrazione di una forza che quest'anno è cresciuta è data proprio dalla vittoria odierna, ottenuta con fatica e vinta, dove in altre occasioni si sarebbe perso. Se ho detto che James si scatena nei playoffs, i Raptors hanno degli anticorpi resistenti per cercare di fermare il fenomeno di Akron, con la coppia Lowry-DeRozan che può segnare potenzialmente più di cinquanta punti a gara. Si prevedono sviluppi interessanti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!