Iscriviti

NBA, 26 febbraio 2018: i Rockets irrompono a Salt Lake City, Raptors vincenti sui Pistons

Gli Houston Rockets conservano la leadership con il successo in trasferta sugli Utah Jazz. Anche i Toronto Raptors sono primi nella Eastern Conference dopo il successo contro i Detroit Pistons.

Basket
Pubblicato il 27 febbraio 2018, alle ore 11:31

Mi piace
15
0
NBA, 26 febbraio 2018: i Rockets irrompono a Salt Lake City, Raptors vincenti sui Pistons

Nella notte della NBA di lunedì 26 febbraio 2018 si sono giocate dieci gare. Gli Houston Rockets vincono in casa degli Utah Jazz per 96-85: i Jazz sono bravi a difendere e nel contrattacco fino al primo tempo, quindi tocca a Houston controllare e vincere l’incontro difendendo ancora meglio. Per Houston c’è la leadership della classifica e James Harden firma 26 punti, 11 rimbalzi e 5 assist, per Utah Rudy Gobert conclude 17 punti e 6 rimbalzi.

I Toronto Raptors stravincono contro i Detroit Pistons per 123-94: sfida quasi alla pari fino al primo tempo, nella ripresa i Raptors vanno in fuga e vincono con ventinove punti di vantaggio, conservando il primo posto nella Eastern Conference. Per Toronto Kyle Lowry tiene 20 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, nei Pistons Andre Drummond iscrive nel tabellino 18 punti e 18 rimbalzi.

I Golden State Warriors trionfano nella Grande Mela contro i New York Knicks per 125-111: i padroni di casa tengono testa ai campioni in carica fino al primo tempo, successivamente scoppiano e lasciano il passo ai gialloblu californiani, che sono sempre secondi ad Ovest e nelle cui fila c’è un Klay Thompson da 26 punti, 5 assist e 4 rimbalzi. Per New York, in una crisi senza fine, Emmanuel Mudiay concretizza 20 punti e 7 assist.

I Boston Celtics sconfiggono i Memphis Grizzlies per 109-98: gara sin troppo scontata per i verdi del Massachusetts, a metà partita hanno ventotto punti di vantaggio che gestiscono fino alla sirena di fine partita. Boston rimane seconda nella Eastern Conference con un Kyrie Irving da 25 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, mentre per gli orsi, ormai fuori dai giochi che contano, JaMychal Green somma 21 punti e 11 rimbalzi.

I Minnesota Timberwolves vincono sul parquet dei Sacramento Kings per 118-100 con il terzo posto ad Ovest per una squadra dal grande potenziale, mostrato nel secondo tempo della sfida. Nei Wolves Karl-Anthony Towns acchiappa 26 punti, 17 rimbalzi e 4 assist, nei Kings Skal Labissiere ottiene 20 punti e 4 rimbalzi. I New Orleans Pelicans continuano a vincere battendo anche i Phoenix Suns per 125-116, rimontando un consistente vantaggio degli avversari; nei Pelicans Anthony Davis è fenomenale con 53 punti, 18 rimbalzi e 3 assist, nei soli Devin Booker non è da meno con 40 punti, 10 rimbalzi e 7 assist.

Gli Oklahoma City Thunder sovrastano gli Orlando Magic per 112-105, solidificando la propria posizione playoff: nei Thunder Paul George materializza 26 punti, 8 rimbalzi e 3 assist, nei Magic Jonathan Simmons intabella 19 punti e 5 rimbalzi. I Dallas Mavericks superano gli Indiana Pacers per 109-103: vittoria che tiene comunque lontanissimo i Mavs dalla postseason, e Harrison Barnes compie 21 punti e 3 rimbalzi, nei Pacers Myles Turner raggiunge 24 punti e 11 rimbalzi.

I Los Angeles Lakers, con un Brandon Ingram da 21 punti, 10 rimbalzi e 6 assist, trionfano sul campo degli Atlanta Hawks per 123-104; nei falchi Taurean Prince è ok con 24 punti, 3 rimbalzi e 3 assist. I Brooklyn Nets prendono il punto contro i Chicago Bulls per 104-87: nei Nets Allen Crabbe ottimizza 21 punti e 3 rimbalzi, nei tori Kris Dunn mette in calce 23 punti, 4 rimbalzi e 3 assist.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Le prime hanno giocato tutte in questa serata e tutte hanno vinto: il maggior merito va assegnato ai Rockets, che hanno vinto in trasferta contro la squadra del momento, gli Utah Jazz, mettendo sul campo una difesa che ha fermato l'attacco dei jazzisti a solo ottantacinque punti di quota. I Raptors si tengono aggrappati al primo posto ad Est dopo il bel successo contro dei Pistons che si muovono con il passo del gambero; nelle due conference, non va dimenticato, Warriors e Celtics sono ad un passo dalla prima posizione ed aspettano un passo falso delle capolista per riuscire a tornare davanti a tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!